Pensione anticipata RITA con 60 anni di età e 24 anni di contributi, quali alternative

Come andare in pensione con la RITA (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata) a 60 anni, con 24 anni di contributi, analizziamo se è possibile e come fare

Posso andare pensione anticipata RITA con 60 e 8 mesi e da 2 anni disoccupata, lavoro agricolo? E’ la richiesta che ci è arrivata in redazione da un nostro lettore, analizziamo la contribuzione dei lavoratori agricoli e quali sono i requisiti della RITA.

Contributi lavoratori agricoli

Il diritto alla pensione è subordinato alle condizioni del compimento di una determinata età e del possesso di determinati requisiti  contributivi e assicurativi.

Per quanto riguarda i lavoratori agricoli, la valutazione dei contributi giornalieri, acquista un diverso valore in base alla prestazione pensionistica richiesta: pensione anticipata  o altri tipi di pensione.

Il requisito contributivo basato sull’annualità, è soddisfatto con 270  giornate annue di contribuzione effettiva, volontaria o figurativa. Diversamente per la pensione anticipata, per la quale l’annualità, ai soli fini del diritto, è realizzata con un numero inferiore di giornate, corca 156. 

Come si ottiene il requisito minimo di contribuzione

Il requisito minimo di contribuzione è dato dal prodotto ottenuto dalla contribuzione minima annua (270 contributi giornalieri) per il numero degli anni richiesti per il diritto alla prestazione medesima. alla fine del diritto non vanno considerate le giornate di disoccupazione e di malattia.

Pensione Rita, i requisiti per i disoccupati

PensioneI requisiti per accedere alla RITA per i disoccupati sono i seguenti:

  • inoccupazione, successiva alla cessazione dell’attività lavorativa, per un periodo superiore a ventiquattro mesi;
  • raggiungimento dell ‘età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i dieci anni successivi;
  • maturazione di cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari;
  • maturazione, alla data di presentazione della domanda di accesso alla RITA, di un requisito contributivo complessivo di almeno venti anni di contributi versati.

La RITA spetta ai “lavoratori” che  siano rimasti inoccupati per il periodo ivi stabilito – unitamente agli altri requisiti, la prestazione in questione spetta solo agli iscritti titolari di reddito di lavoro.

Nel caso del nostro lettore, non bastano 18 anni di contributi, per la RITA ne sono richiesti un minimo di 20 anni, di cui almeno cinque anni versati nei fondi pensionistici. Quindi non è possibile aderire alla RITA in questo caso.

Conclusione

Il nostro lettore può farne richiesta se ha aderito per un minimo di cinque anni ad un fondo pensionistico. La domanda va fatta direttamente al fondo di appartenenza. Per sapere cosa sono i fondi pensione, consiglio di leggere: Fondi pensione: come e perché conviene aderire alla previdenza integrativa?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.