Pensione casalighe anche per persone inabili a 57 anni con 5 anni di contributi

Pensione casalinghe 2018: possono iscriversi al fondo anche le persone inabili, ecco le prestazioni a carico INPS.

Pensione casalinghe rinnovata per il 2018, come già vi abbiamo anticipato con l’articolo: Pensione casalinghe 2018, la domanda a 57 anni.

Come abbiamo chiarito nell’articolo sopra menzionato, possono fare richiesta alla pensione casalinghe 2018 tutte le persone che si occupano della casa e della famiglia senza essere retribuite. È possibile accedere alla pensione iscrivendosi ad un apposito fondo casalinghe INPS, che un’età minima di 57 anni e 7 mesi, oppure quella di vecchiaia, che prevede un’età minima di 65 anni e 7 mesi. Il requisito richiesto è di aver almeno 5 anni di contributi versati, anche e in forma volontaria.

A tale fondo possono accedre anche le persone inabili. 

Prestazioni a carico INPS

Sono a carico dell’Inps, le seguenti prestazioni:

  • pensione di inabilità, con almeno 5 anni di contributi, a condizione che sia intervenuta l’assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa
  • vecchiaia, a partire dal 57° anno di età, a condizione che siano stati versati almeno 5 anni (60 mesi) di contributi.

La pensione di vecchiaia:

  • viene liquidata solo se l’importo maturato risulta almeno pari all’ammontare dell’assegno sociale maggiorato del 20% (1,2 volte l’assegno sociale);
  • si prescinde dall’importo al compimento del 65° anno di età.

Non è prevista la concessione della pensione ai superstiti.

Come trasmettere la domanda

Come per l’iscrizione la domanda di pensione casalinghe, può essere inviata esclusivamente attraverso il canale telematico.

Pensione casalinghe, quale importo spetta?

Le pensioni casalinghe viene calcolatao in base al calcolo contributivo, gli importi non sono integrabili al trattamento minimo.

Obbligo di iscrizione all’INAIL

Sono obbligati ad iscriversi all’INAIL, i componenti del nucleo familiare, di età compresa fra i 18 e i 65 anni compiuti, che svolgono, in via esclusiva e non occasionale, attività in ambito domestico, senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito, per la cura del proprio nucleo familiare.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.