Pensione casalinghe requisiti: con che età?

Pensione casalinghe: quali sono i requisiti di accesso alla pensione con il Fondo casalinghe che permette la quiescenza a partire da 57 anni?

Per chi lavora in casa a livello di cura familiare, vi è la possibilità, anche se non si ha una retribuzione derivante da lavoro, in possesso di determinati requisiti, di avere la pensione casalinghe una misura erogata da un fondo creato dall’INPS cui si possono iscrivere sia uomini che donne che si dedicano al proprio nucleo familiare senza svolgere una vera e propria professione lavorativa.

Pensione casalinghe requisiti

Il lavoro della casalinga, molto spetto non è riconosciuto solo perchè non retribuito ma si tratta, comunque, di un lavoro vero e proprio che costa fatica e sacrificio. Proprio per questo motivo l’INPS, con il Fondo casalinghe, da la possibilità a chi svolge lavoro di cura familiare di poter avere una pensione per vivere una vecchiaia dignitosa.

Il Fondo casalinghe permette di accedere alla pensione di vecchiaia o, in alternativa, alla pensione di inabilitià.

La pensione casalinghe di vecchiaia può essere richiesta a 57 a patto che il titolare abbia versato nel Fondo almeno 5 anni (60 contributi mensili) di contributi e che l’importo della pensione mensile spettante sia pari a 1,2 volte la pensione minima INPS (complessivamente 550 euro al mese circa).

Per chi non soddisfa il requisito dell’importo dell’assegno, in ogni caso, la pensione di vecchiaia verrà erogata al compimento dei 65 anni indipendentemente dalla cifra spettante mensilmente.

Per quanto riguarda, invece, la pensione di inabilità spetta a chi avendo versato almeno 60 contributi mensili (5 anni) presenti una assoluta e permanente impossibilità a lavorare.

Il calcolo della pensione casalinga avviene con il sistema contributivo e, quindi, viene calcolato il totale dei contributi versati.

Se si possiedono contributi versati in altre casse previdenziali (ad esempio l’AGO o una cassa professionale, solo per citarne un paio) questi non possono essere cumulati co i contributi versati nel Fondo casalinghe.

Puoi trovare approfondimenti su questa notizie nella nostra categoria Pensioni News.

Calcolo pensione fondo casalinghe

Per sapere la cifra che spetta mensilmente con i contributi versati al Fondo casalinghe bisogna prendere in considerazione il cosiddetto montante contributivo, ovvero il totale dei contributi versati rivalutato in base al coefficiente di trasformazione che fino per pensioni con decorrenza fino al 31 dicembre 2021 è di

• 4,2% se si sceglie la pensione a 57 anni

• 5,245% se si sceglie il pensionamento a 65 anni.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.