Pensione con 30 anni di contributi, le prospettive con o senza lavoro

Pensione anticipata con 30 anni di contributi e 64 anni di età, quali alternative ci sono attualmente in vigore? Analizziamo tutte le possibilità

Pensione anticipata con 30 anni di contributi, con quale misura è possibile accedere al pensionamento? Analizziamo cosa prevede la normativa vigente rispondendo alle domande di un nostro lettore: Grazie, gentilissimi …per essere breve…ho 64 anni compiuti due giorni fa             …sono disoccupato da circa  5 anni…ho circa 33 anni di contributi regolari compresi riscattati 20 mesi di militare…lavoravo in poste italiane……ho lasciato il mio posto a mia figlia…assunta partime e ancora lo ha……sono quasi disperato. Ha 5 anni che non percepisco un soldo. Che possibilità ho di andare in pensione anticipata. Visto che ci sono delle opzioni…che mi consigliate……vi comunico  che ho fatto richiesta di ape social e me l’hanno respinta…dicono che non ho il diritto perché non ho avuto licenziamenti. Vi ringraziamo potete aiutare, io se volete posso darvi anche i miei estremi, attendo risposta grazie.

La pensione Ape Sociale è destinata a coloro che hanno perso involontariamente il posto di lavoro, nel suo caso si tratta di dimissioni volontarie, quindi non ha il diritto ad accedervi.

Pensione Ape Volontario

Può accedere all’Ape volontario che prevede un requisito anagrafico di 63 anni  e un minimo di 20 anni di contributi. Il pensionamento con Ape Sociale è riconosciuto tramite un prestito che dovrà essere versato a carico del lavoratore. Si tratta di un assegno ponte che permette il raggiungimento dell’età pensionabile 67 anni e viene restituito direttamente dall’assegno pensionistico. Il prestito ha condizioni agevolate e vantaggiose. Se sceglie questa misura, deve fare in fretta, perché termina il 31 dicembre 2019, salvo eventuale proroga.

Trova qui gli approfondimenti della misura pensionistica: In pensione con l’Ape volontario anche nel 2019: ecco i requisiti

Rendita Integrativa Temporanea Anticipata

Un’altra alternativa valida è la RITA che permette il pensionamento anticipato di 5/10 anni se il lavoratore ha versato almeno cinque anni in un fondo pensione. Il requisito contributivo richiesto è di 20 anni. E’ possibile accedere alla RITA in qualsiasi momento se si hanno i requisiti, quindi se lei ha aderito ad un fondo pensione, può valutare questa misura. La domanda dev’essere inoltrata al fondo di appartenenza. 

Trova qui tutte le informazioni su questa misura: Pensione Rita, i nuovi requisiti 2018, i chiarimenti da COVIP

Possono accedere ad entrambe le misure sia i disoccupati che gli occupati. Nella Rita i disoccupati di lunga durata possono ottenere un anticipo di 10 anni dall’età pensionabile. 

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”