Pensione con 41 anni di contributi senza vincoli per abolire la legge Fornero

Pensione con 41 anni di contributi senza vincoli e paletti, la misura sembra prendere forma e trova il benestare anche del Ministro Tridico.

Prende sempre più forza l’ipotesi di affermare la pensione anticipata con 41 anni di contributi senza limiti di età, senza lavoro precoce e senza tutele; solo con il requisito contributivo di 41 anni. L’ipotesi attualmente è ancora allo studio, ma sembrerebbe che anche il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ne stia valutando i benefici.

Pensione Quota 41 per abolire definitivamente la legge Fornero

L’ipotesi di pensioni con 41 anni di contributi è stata riproposta dal Ministero del Lavoro Nunzia Catalfo per superare in modo definitivo la Riforma Fornero. Ricordiamo che la Quota 41 per tutti senza vincoli e paletti era una misura inserita nell’accordo di governo a firma del M5S e Lega. Il suo ingresso, inizialmente, era stato previsto unitamente alla Quota 100; per mancanza di fondi è stata spostata al 2020, anche se con molte incertezze.

Adesso sembra concretizzarsi un’idea reale, lo scoglio più grande è la copertura finanziaria per la misura pensionistica.

La pensione anticipata attuale va in soffitta

La pensione anticipata con 41 anni di contributi andrebbe a superare quella che attualmente in vigore che permette l’accesso pensionistico senza limiti di età con 42 anni e 10mesi per gli uomini e 41 e 10mesi per le donne.

Con l’ingresso della Quota 41 per tutti si mettere definitivamente una pietra sulla riforma Fornero.

Pensionamento con Quota 41 oggi

Oggi è possibile accedere alla pensione anticipata con requisiti stringenti, ed esattamente:

  • lavoratore precoce; almeno un anno di contributi versati prima del compimento del 19° anno di età;
  • requisito contributivo: 41 anni di contributi versati, compreso l’anno come precoce;
  • requisito anagrafico: non c’è n limite di età, bisogna raggiungere  41 anni di contributi.

Tutele

Inoltre, bisogna trovarsi in una delle quattro tutele richieste:

1) disoccupato che almeno da 3 tre mesi ha finito di percepire la NASPI;

2) lavoratore invalido con una percentuale del 74%;

3) lavoratore “Caregiver”;

4) lavoratori che svolgono mansioni gravose o usuranti

Questa misura non è per tutti e i molti lavoratori che arrivano a 41 anni di contributi se non hanno maturato anche il lavoro precoce e si trovano in una delle quattro condizioni esposte non può accedervi. 

Leggi anche: Pensione Quota 41 con legge 104: convivenza con il familiare


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”