Pensione con legge 104: 67%, 85% e rendita, le possibilità fra pubblico e privato

In pensione anticipata con legge 104 e invalidità con diverse tutele se si proviene dal settore pubblico o da quello privato. Analizziamo le alternative in vigore.

Ci arrivano molte domande sulla possibilità di anticipare la pensione con la legge 104, ebbene, rispondiamo ai nostri lettori verificando quando è possibile considerando anche il settore lavorativo (pubblico e privato).

Pensione con la rendita per invalidità

Buongiorno, io ho un invalidità civile del 67% permanente, potrei chiedere la Rita? E.

Risposta. Nella sua domanda non specifica i requisiti anagrafici e i contributi maturati, quindi, le rispondo elencando i requisiti richiesti e chi può fare domanda.

Possono fare domanda della Rendita Integrativa Temporanea Anticipata i lavoratori del settore pubblico e privato con un’invalidità permanente che cessano il rapporto di lavoro e si trovano a distanza di cinque anni dalla pensione di vecchiaia. Potranno  chiedere alternativamente il riscatto ovvero la RITA, se hanno maturato almeno 5 anni di contributi come partecipazione al sistema di previdenza complementare (fondo pensione) e se hanno anche 20 anni nel regime obbligatorio di appartenenza.

Per approfondimenti sulla misura consiglio di leggere: Pensione anticipata per disoccupati a 57 anni: requisiti per fare domanda

Pensione inabilità

Buon giorno Egr, sono un invalido civile all’85% e usufruisco della legge 104/92 da ben 24 anni. Ho 57anni ma solo nel 2018 ho fatto richiesta di aggravamento perché ho subito un operazione al cuore con sostituzione della valvola aortica, chiedo cortesemente se è possibile andare in pensione perché da dopo l’operazione ho seri problemi di salute, premetto che sono un dipendente pubblico e che lavoro da 38 anni. Grazie 

Certo di una vostra risposta, colgo l’occasione per porgere i cordiali saluti. E.

Risposta. I lavoratori del pubblico impiego non possono accedere alla pensione di invalidità, ma sono tutelati con la pensione di inabilità lavorativa.

La pensione di inabilità è concessa ai lavorati dipendenti dell’impiego pubblico che abbiano un’invalidità tale che impedisce la collazione di qualsiasi attività lavorativa. L’inabilità deve essere accertata dalla Commissione Medica dell’Asl di competenza ai sensi dell’art. 13, Legge 274/91.

Questa misura prevede che il dipendente abbia maturato un requisito contributivo di almeno 15 anni di contributi, indipendentemente dall’età anagrafica.

La domanda deve essere presentata al datore di lavoro; alla domanda bisogna allegare il certificato medico che attesti l’inabilità assoluta o permanente a svolgere attività di proficuo lavoro.

L’assegno pensionistico è calcolato sull’effettiva contribuzione maturata senza nessuna maggiorazione.

Se viene riconosciuta l’inabilità lavorativa dalla commissione il dipendente viene dispensato dal servizio. L’erogazione della pensione di inabilità sarà erogata a decorrere dal giorno successivo alla dispensa del servizio; la misura è vitalizia.

Il mio consiglio, anche in virtù della situazione difficile che descrive, è di farsi consigliare dal suo medico curante e presentare la domanda di inabilità. A decidere l’inabilità sarà un’apposita commissione, a mio avviso è un tentativo che va fatto.

10 anni dalla pensione

Buongiorno, vorrei sapere se ho diritto di pensione anticipata con la legge 104 coma 1. Ho 31 di contributi e mi mancano ancora 10 anni alla pensione. Grazie saluti S.

Risposta. L’unica misura pensionistica che attualmente prevede l’accesso anticipato con 10 anni prima dalla pensione anticipata è La Rendita Integrativa Temporanea Anticipata per i disoccupati di lunga durata (24 mesi) che hanno maturato un’anzianità lavorativa di 20 anni di contributi e almeno cinque in un fondo previdenziale complementare.

Lei nella domanda non mi ha dato sufficienti elementi per poter capire se può aderire a qualche altra forma pensionistica.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”