Pensione con meno di 20 anni di contributi: non sempre si può accedere

Non sempre è possibile il pensionamento con meno di 20 anni di contributi, soglia che permette l’accesso a diverse misure.

Per accedere alla pensione di vecchiaia è necessario rispettare due requisiti: aver maturato almeno 20 anni di contributi ed aver compiuto almeno 67 anni di età. Solo in alcuni rari casi è possibile il pensionamento di vecchiaia senza aver maturato i 20 anni di contributi e questi casi verranno illustrati nel seguente articolo.

Pensione con meno di 20 anni di contributi

Un nostro lettore ci scrive:

Buonasera ,ho 51anni e 10 anni si contributi lavorando in una ditta,poi 2anni con disoccupazione percepita naspi,da settembre 2017 fino a settembre 2019, potreste delucidarmi sulla mia eventuale pensione percepibile che non so quando? È quanti anni mi mancano x poterla percepire Cordiali saluti 

Purtroppo lei ha maturato soltanto 12 anni di contributi (considerando anche quelli figurativi derivanti dalla Naspi). Per accedere alla pensione di vecchiaia c’è bisogno di almeno 20 anni di contributi ma mancandole ancora 16 anni per il raggiungimento dell’età anagrafica di accesso, potrebbe maturare altri contributi utili al diritto alla pensione.

In ogni caso, se i suoi contributi sono stati maturati dopo il 31 dicembre 1995, vi è anche la possibilità di accedere al pensionamento di vecchiaia con un minimo di 5 anni di contributi, ma soltanto al compimento dei 71 anni di età.

Ovviamente, però, essendo ancora molto lontano dall’accesso alla pensione potrebbe o trovare un altro lavoro per accumulare i contributi mancanti per l’accesso alla pensione con 67 anni o, in alternativa potrebbe farsi autorizzare al versamento dei contributi volontari per raggiungere la soglia dei 20 anni di contributi.

In ogni caso alla sua età è abbastanza prematuro pensare al pensionamento poichè ha davanti ancora molti anni  in cui, tra l’altro, potrebbero subentrare anche nuove misure che permetteranno il pensionamento anticipato.

Inoltre se ha iniziato a versare contributi dopo il 1 gennaio 1996, potrebbe accedere al pensionamento anche a 64 anni con la pensione anticipata contributiva, sempre con 20 anni di contributi maturati. In ogni caso, come vede, a meno che non voglia accedere alla pensione di vecchiaia a 71 anni, l’unica alternativa è quella di continuare a versare contributi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.