Pensione: contributi Inps con stralcio fanno perdere il diritto

Pensione e contributi stralciati dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, si perde il diritto alla pensione e bisogna restituire il dovuto? Il caso

Pensione e contributi Inps nella confusione totale, con l’operazione di stralcio delle cartelle esattoriali sono subentrate non pochi problemi per coloro che si apprestano al pensionamento. C’è chi si è trovato a perdere anche il diritto acquisito della pensione. La sorpresa, non piacevole di molti contribuenti, riguarda due fattori, in uno con lo stralcio hanno eliminati i debiti con l’Inps e con il fisco, ma nel secondo, hanno eliminato anche la possibilità di poter accedere ai contributi di quel periodo. C’è anche a chi la pensione è stata riconosciuta e poi per lo stralcio negata e con la richiesta di restituire le somme indebitamente percepite, esaminiamo il caso di un nostro lettore.

Pensione e contributi Inps con stralcio cartelle esattoriali

Un lettore ci scrive: 

“Buona sera,

ho un quesito da porvi: il primo dicembre 2018 sono andato in pensione dopo che precedentemente,  precisamente il 29 novembre 2018, ho saldato quasi due anni di contributi pendenti con l’Agenzia delle riscossioni (Equitalia). Questi inizialmente mi sono stati riconosciuti, fino al mese di giugno 2020, dopodiché   l’INPS da un controllo effettuato  mi ha anticipato che non ho più diritto alla pensione perchè i contributi saldati sono stati stralciati dalla rottamazione delle cartelle sotto i mille euro. Adesso mi trovo nella situazione di non avere più i requisiti della pensione, ma la cosa più grave è che l’istituto mi ha anticipato che mi chiederanno la restituzione della pensione fin qui erogata. Credo di non essere l’unico caso in Italia.
Aspetto una vostra gentile determinazioni in merito.
Cordiali Saluti”.

Il suo caso è molto particolare, da quello che scrive lei aveva pagato le cartelle esattoriali con i contributi Inps inferiore a 1.000 euro e per questo le era stata riconosciuta la pensione. La cosa che non è chiara come sono state stralciate cartelle pagate e con contributi accreditati regolarmente. A mio avviso si deve rivolgere da un avvocato, e con lui capire perchè se le cartelle erano state pagate e i contributi regolarmente accreditati, poi le sono state stralciate, da come riporta lei non aveva più debiti con l’ente di riscossione. Bisogna a mio avviso approfondire la sua situazione per poter capire effettivamente cos’è successo. Si faccia assistere da un professionista competente. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”