Pensione contributiva e contributi settimanali utili al perfezionamento dei 15 anni

Pensione contributiva e contributi settimanali utili per poter raggiungere i 15 anni richiesti, quali sono e chi può veramente maturare il diritto?

Pensione contributiva e contributi settimanali utili per il pensionamento con un’anzianità di 15 anni e con un’età di 67 anni: è possibile ma non per tutti. Non sempre è possibile accedere alle varie misure pensionistiche con il sistema contributivo perché i requisiti vincolanti fanno venire meno il diritto. Bisogna precisare che la pensione contributiva con l’Opzione Dini permette l’accesso solo con 15 anni di contributi e fa parte delle pensioni news del 2020.

Pensione contributiva e contributi settimanali utili per l’Opzione Dini

Stabilire se si può accedere alla pensione contributiva con l’Opzione Dini non è semplice, inoltre ci sono differenze di calcolo anche sull’assegno pensionistico, esaminiamo la normativa in base alla domanda di un nostro lettore:

Vorrei sottoporvi un quesito relativamente alla  posizione contributiva di una mia assistita per accedere alla pensione di vecchiaia essendo la medesima già in possesso dell’età anagrafica prevista (67 anni compiuti il 02 aprile 2020).
In data 08.04.2020 tramite patronato si è fatta  richiesta della pensione di vecchiaia che è stata rigettata per i seguenti motivi:
  “Le comunico che non è stato possibile accogliere la domanda in oggetto, presentata il 08.04.2020, per il seguente motivo: Non risultano almeno n. 1040 contributi settimanali. 
Risultano infatti complessivamente nel periodo dal 06.06.1973 al 31.12.2009 n. 930 contributi settimanali di cui:
n. 834 nella gestione dei lavoratori dipendenti,
 n. 52 figurativi disoccupazione 
n. 44 figurativi maternità
 non è in possesso di n. 780 settimane al 1992 e l’autorizzazione ai versamenti volontari ha decorrenza 11.07.2015.”
Mi sembra di capire che l’Inps ha considerato per poter accedere alla pensione quindicenne solo il possesso dei requisiti previsti dalla deroga Amato, ma non quelli della Legge Dini  n. 335/95.
I requisiti richiesti  per poter accedere al pensionamento con la legge Dini, sono:

almeno 1 contributi versato prima del 1 gennaio 1996 (e questo requisito lo possiede)

meno di 18 anni di contributi versati prima del 1 gennaio 1996 (e possiede anche questo requisito)

almeno 5 anni di contributi versati dopo il 1 gennaio 1995 (in possesso anche di questo requisito)

almeno 15 anni di contribuzione versata (possiede 17 anni + otto mesi e, quindi, rientra anche in questo requisito)

età anagrafica 67 anni (possiede anche tale requisito) Vorrei gentilmente sapere se ci sono i presupposti per accedere al pensionamento con la legge Dini con soli 15 anni di contributi, essendo tale opzione ancora in vigore e non soppressa dalla Legge Fornero.

 Sarei grata se potete gentilmente darmi una risposta e nell’attesa Vi porgo i miei più cordiali saluti.  
Avv. M. I.

Pensione contributiva con 1040 settimane di contributi utili

Per la pensione contributiva all’età di 64 anni con 20 anni di contributi la Riforma Monti ha stabilito che nell’anno 2012 per poter accedere a questa forma di pensionamento necessitano 1040 settimane di contributi, il requisito contributivi può essere raggiunto anche con il versamento dei contributi volontari. Il primo rateo mensile non può essere inferiore a 2,8 volte l’assegno sociale, nel 2020 è di euro 1.287,52.

Possono essere assoggettati alla pensione contributiva coloro che non possiedono contributi alla data del 31 dicembre 1996 o chi si avvale dell’opzione contributiva o del computo presso la gestione separata.

Pensione con l’opzione contributiva Dini

L’opzione contributiva consiste nella possibilità per i lavoratori iscritti all’AGO o presso fondi pensione sostitutivi ed esclusivi, che sono in possesso di un’anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, di optare per il calcolo dell’assegno pensionistico con il sistema contributivo.

Per l’esercizio dell’opzione contributiva bisogna rispettare i seguenti requisiti:

  • meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996 e avere almeno un contributo accreditato prima del 31 dicembre 1995;
  • almeno 15 anni di contributi di cui almeno 5 anni versati nel sistema contributivo (versati dal 1° gennaio 1996).

Inoltre, il messaggio Inps n. 219/2013 specifica che chi possiede i requisiti per l’opzione contributiva alla data del 31 dicembre 2011 può avvalersi di tale opzione contributiva solo se entro la stessa data ha anche maturato il diritto alla pensione, secondo la legge Fornero.

Se il diritto dell’Opzione contributiva non viene maturato dal richiedente entro il 31 dicembre 2011, l’opzione Dini comporta il calcolo esclusivamente con il sistema contributivo della prestazione, questo significa che non è possibile ottenere le pensioni agevolate con l’opzione. Il trattamento agevolato è in vigore per coloro che sono iscritti alla Gestione Separata Inps. 

Prima di procedere con un ricorso, bisogna verificare se il suo assistito rientra nelle specifiche elencate nel messaggio Inps n. 2019/2013 per il diritto alla pensione. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”