Pensione contributiva: nel 2021 sarà per tutti, le ultime novità

Pensione contributiva per tutti nel 2021, le nuove ipotesi nella Riforma pensioni, tantissimi gli scenari allo studio, ecco le ultime novità.

La pensione contributiva fa parte delle pensioni news 2020 e permette a chi ha particolari contributi di anticipare la pensione tre anni prima(64 anni)  dell’età richiesta per la pensione di vecchiaia (67 anni). Una misura difficile ristretta ad una piccola platea di beneficiari. Dopo il Covid-19 si riparte con la riforma pensioni nel 2021 che vede una propensione ad una pensione contributiva per tutti ma con requisiti flessibili. Scopriamo le ultime indiscrezioni sul tavolo tecnico del governo

Pensione contributiva nel 2021: scenari possibili

Nel 2021 terminerà la Quota 100 in vigore dal 2019 in via sperimentale fino al 31 dicembre 2021, che permette l’accesso con 62 anni di età e 38 anni di contributi. Questa misura è stata messa in discussione fin da subito e salvo ultimi scenari, non sarà prorogata.

L’ipotesi che stanno valutando i tecnici per sostituire la pensione anticipata Quota 100 che prevede il calcolo dell’assegno come una normale pensione, con il sistema misto (retributivo più contributivo), è la pensione contributiva calcolata interamente con il sistema contributivo.

Le parti sociali non approvano la pensione contributiva per tutti perché  porterebbe una forte diminuzione dell’assegno pensionistico, si potrebbe arrivare ad una decurtazione del 25-30% rispetto all’ultimo stipendio percepito.

Inoltre, la penalizzazione sarebbe maggiore per i lavoratori che hanno avuto una carriera lavorativa discontinua.

Una forma pensionistica che creerebbe nuovi poveri

Il calcolo della nuova pensione contributiva coinvolgerebbe tutto il montante contributivo accumulato dal lavoratore nell’arco della sua vita lavorativa, senza date e limiti. Secondo i sindacati questa misura creerebbe una grande platea di nuovi poveri. Lavoratori che non riuscirebbero a compensare con l’assegno pensionistico le spese necessarie  per condurre una vita normale e dignitosa.

Resta ancora da capire quali sono i requisiti previsti, si parla dell’età pensionabile a 64 anni, ma sul requisito contributivo si è ancora molto in dubbio. Per alcuni deve orientarsi sul requisito richiesto per la pensione di vecchia (minimo 20 anni di contributi); secondo altri invece sui 35 anni di contributi utili; c’è chi non approva questa misura in modo definitivo.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”