Pensione, cosa cambia nel 2019, nuovi requisiti e calcoli, tutte le novità

Pensione di vecchiaia, anticipata e anticipata lavori gravosi, cosa cambia nel 2019, i chiarimenti Inps.

La pensione nel 2019 subirà alcune modifiche, un nostro lettore ci chiede se scatta l’aumento dei 5 mesi in più per poter uscire dal lavoro,  a chiarirlo è la circolare dell’Inps n. 62 del 04 aprile 2018.

Con questa circolare l’Inps spiega i nuovi requisiti che andranno in vigore dal 1° gennaio 2019.

Requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici adeguati agli incrementi della speranza di vita

  • PensioneSi riportano di seguito, in sintesi, i requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia, alla pensione anticipata e alla pensione di anzianità con il sistema delle c.d. quote, adeguati agli incrementi della speranza di vita, come previsto dal decreto 5 dicembre 2017. Resta salva l’applicazione dell’adeguamento in parola anche in tutti gli altri casi previsti dalla legge.

Pensione di vecchiaia – requisiti

Il requisito per la pensione di vecchiaia si configura nel modo seguente:

  • Età pensionabile dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020: 67 anni
  • Dal 1° gennaio 2021: 67 anni (Requisito da adeguare alla speranza di vita)

Con riferimento ai soggetti il cui primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996, l’adeguamento all’incremento della speranza di vita previsto dal decreto in parola deve altresì applicarsi al requisito anagrafico previsto dall’articolo 24, comma 7, della legge n. 214 del 2011, che consente l’accesso alla pensione di vecchiaia con un’anzianità contributiva minima effettiva di cinque anni e che, dal 1° gennaio 2019, si perfeziona al raggiungimento dei 71 anni.

Per coloro che hanno la pensione calcolata interamente con il metodo contributivo con contributi a decorrere dal 1° gennaio 1996, l’ assegno pensionistico previsto deve essere superiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale, l’importo del 2018 è pari a  euro 453,00. 

Con riferimento ai soggetti il cui primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996, l’adeguamento all’incremento della speranza di vita previsto dal decreto in parola deve altresì applicarsi al requisito anagrafico, che consente l’accesso alla pensione di vecchiaia con un’anzianità contributiva minima effettiva di cinque anni e che, dal 1° gennaio 2019, si perfeziona al raggiungimento dei 71 anni.

Si precisa, inoltre, che, il requisito anagrafico di accesso alla pensione di vecchiaia per le lavoratrici iscritte all’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti e alle forme sostitutive della medesima, nonché alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi e alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, è pari, per l’anno 2018, a 66 anni e 7 mesi (cfr. la circolare n.63/2015). 

Pensione anticipata: requisito contributivo

Il requisito per la pensione anticipata è il seguente:

  • Dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020 Uomini 43 anni e tre mesi (2249 settimane) Donne 42 anni e tre mesi (2197 settimane)
  • Dal 1° gennaio 2021 Uomini  43 anni e tre mesi* (2249 settimane) Donne 42 anni e tre mesi* (2197 settimane)

*Requisito da adeguare alla speranza di vita ai sensi dell’art. 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

Pensione anticipata per i lavoratori “precoci”: requisiti

Il requisito per la pensione anticipata per i lavoratori “precoci” di cui all’articolo 1, commi 199-205, della legge n. 232 del 2016, è il seguente:  

Dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020:  41 anni e cinque mesi (2153 settimane)
Dal 1° gennaio 2021:  41 anni e cinque mesi* (2153 settimane)

*Requisito da adeguare alla speranza di vita ai sensi dell’art. 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”