Pensione di cittadinanza, ultimi aggiornamenti

Ecco gli ultimi aggiornamenti riguardanti la pensione di cittadinanza, tra cui i destinatari, i requisiti e anche gli invalidi.

Nella prossima legge di bilancio 2019 è stato accantonato al momento il reddito di cittadinanza, dando invece ampio spazio alla cosiddetta quota 100 e all’aumento delle pensioni minime. Essa è stata proposta dal M5S ed è sostanzialmente rivolta ai pensionati con bassi redditi che ha lo scopo di superare e contrastare la povertà e l’esclusione sociale in Italia.
La pensione di cittadinanza era prevista già nel contratto di Governo assieme al reddito di cittadinanza, uno degli argomenti fiore all’occhiello del Movimento, ma purtroppo si dovrà trovare il giusto compromesso fra i programmi dei cinque stelle e quelli della Lega, che invece preferirebbe investire questi soldi nella pace fiscale oppure nella quota 100.

A chi spetta la pensione di cittadinanza?

La pensione minima dovrebbe aumentare di poco, parliamo di cifre intorno a 780 euro per un numero molto ampio di pensionati e dovrebbe riguardare anche quelle di invalidità che al momento si attestano intorno ai 280 euro mensili. Quindi, i principali destinatari sono coloro che ricevono attualmente un assegno mensile inferiore ai 780 euro mensili. Tale cifra, però, non è stata comunque scelta a caso, questa infatti rappresenta la soglia di povertà individuata dall’Istat, in linea anche con i parametri previsti anche per il reddito di cittadinanza. I 780 euro mensili sono rivolti comunque al singolo pensionato, pertanto in caso di una coppia di anziani conviventi la soglia sarebbe differente, ovvero 1.170 euro. Per cui è necessario far riferimento ai parametri fissati dall’OCSE per nuclei familiari più numerosi per conoscere gli importi esatti.

I requisiti per avere la pensione di cittadinanza

I requisiti richiesti sono di tipo soggettivo e di tipo economico. Per quanto riguarda i requisiti soggettivi la pensione è rivolta a tutti i percettori di assegni pensionistici quali pensione di anzianità, assegno sociale, assegno di invalidità ecc. Per quanto riguarda il requisito economico molto probabilmente i destinatari della misura dovranno rispettare alcuni parametri in base all’ISEE. Questo per conoscere con esattezza lo stato in cui vive il richiedente.
Dalle ultime indagini svolte dall’INPS il 62,2% dei pensionati percepisce un assegno mensile inferiore a 750 euro. Il 75,5% delle donne pensionate ha un assegno inferiore ai 750 euro mensili. Di queste pensioni, solo il 44,3% riceve prestazioni legate a requisiti reddituali bassi, come integrazione al minimo, maggiorazioni sociali, pensioni e assegni sociali invalidità civile.

La pensione di cittadinanza per gli invalidi

La pensione di cittadinanza non esclude gli coloro che presentano delle invalidità. Questo fa crescere in maniera smisurata il conto già salato della misura, visto che si tratta di circa un milione di assegni che al momento prendono circa 280 euro mensili. Il totale dei cittadini che beneficeranno dell’aumento della pensione si attesta secondo le ultime stime in 4,5 milioni di persone.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.