Pensione di invalidità a 56 anni di età, i requisiti

Pensione di invalidità a 56 anni con 20 anni di contributi, se si riscatta la laurea si accede tre anni prima? Rispondiamo a questa domanda esaminando i requisiti richiesti.

Possono accedere alla pensione di invalidità con 56 anni di età i lavoratori che provengono dal settore privato, questa misura è preclusa ai dipendenti del settore pubblico, i quali possono accedere alla pensione di inabilità. Entrambe le misure fanno parte delle misure a tutela dei lavoratori invalidità e sono inserite nelle pensioni news 2020.

Pensione di invalidità a 56 anni: i requisiti

La pensione di invalidità destinata ai lavoratori del  settore privato permette un anticipo consiste a livello anagrafico e contributivo con l’obiettivo di tutelare i lavoratori invalidi con una percentuale invalidante superiore all’80%. Oltre alla percentuale dell’invalidità sono richiesti il raggiungimento dei seguenti requisiti:

  • un’età anagrafica se uomini di 61 anni, se donne a 56 anni;
  • un requisito contributivo minimo di 20 anni.

Lavoratori non vedenti, se tali da prima di essere iscritti all’assicurazione obbligatoria o con almeno 10 anni di assicurazione e contribuzione dopo l’insorgenza della cecità:

  • un’età di 55 anni
  • un’età di 50 anni se donne

Lavoratori non vedenti, in tutti gli altri casi

  • un’età di 60 anni se uomini
  • un’età di 55 anni se donne

Riscattare la laurea

Un lettore ci pone una domanda sulla pensione di invalidità:

Spett.le NotizieOra,

Vi scrivo perché vorrei sapere del mio caso.

Sono una donna di 50 anni, invalida al 85%, leggendo le vs. Utilissime notizie ho capito che si può chiedere la pensione anticipata al raggiungimento dei 55 anni se si è invalido dall’80% , e almeno 20 anni di contributi.

Io ho chiesto anche di riscattare la laurea, ma vorrei sapere se adesso pago quel periodo di Università ,andrò in pensione con quattro anni prima o vale sempre la regola che andrò in pensione a 55 anni? 

Grazie mille  

S.

Lei può accedere alla pensione di invalidità se lavora nel settore privato quando avrà maturato un requisito anagrafico di 56 anni e un requisito contributivo di 20 anni, i contributi riscattati andranno ad aumentare il requisito contributivo non quello anagrafico.

Bisogna precisare che la pensione di invalidità prevede che i requisiti devono essere adeguati all’aspettativa di vita e, inoltre, questo trattamento pensionistico è soggetto alla disciplina delle finestre mobili di 12 mesi dal perfezionamento dei requisiti, quindi, per ottenere il primo rateo pensionistico, bisognerà attendere 12 mesi. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”