Pensione di invalidità per tumore, i requisiti

Pensione di invalidità per tumore, i requisiti richiesti per poter fare domanda in base alla percentuale invalidante.

Pensione di invalidità per tumore, è possibile in quanto rientra tra le patologie invalidanti che danno diritto all’accesso alla pensione di invalidità o  all’assegno ordinario di invalidità. Nel 2020 queste misure sono in vigore e fanno pare delle pensioni news. Analizziamo i requisiti richiesti per poter accedere a queste misure di tutela per il lavoratori invalidi.

Assegno ordinario di invalidità

Purtroppo, sempre più persone sono colpite da questa orrenda malattia “tumore”, che in alcuni casi rende impossibile continuare l’attività lavorativa. I lavoratori a cui è stata riconosciuta una invalidità che comporta una riduzione lavorativa significativa hanno diritto all’assegno di invalidità (lege 222/1984).

L’assegno di invalidità spetta sia ai lavoratori dipendenti che autonomi iscritti alla Gestione separata. Coloro che ne hanno diritto possono continuare a lavorare, non è richiesta la cessazione dell’attività lavorativa.

Possono fare domanda i lavoratori invalidi che hanno un’invalidità accertata del 74% e hanno maturato un requisito contributivo di almeno 260 contributi settimanali (5 anni di contribuzione) nei cinque anni precedenti alla data di presentazione della domanda.

Al compimento dell’età pensionabile, se sussistono i requisiti, l’assegno ordinario di invalidità si trasforma automaticamente in pensione di vecchiaia, non c’è bisogno che il richiedente faccia domanda, la trasformazione avviene d’ufficio.

Pensione di invalidità per tumore

Anche la pensione di invalidità è una misura a tutela dei lavoratori invalidi del settore privato (esclusi lavoratori del pubblico impiego e lavoratori autonomi), possono fare domanda i lavoratori che hanno un’invalidità certificata superiore all’80%, Oltre alla percentuale dell’invalidità sono richiesti il raggiungimento dei seguenti requisiti:

  • un’età di 61 anni (uomini) e 56 anni (donna);
  • un’anzianità contributiva minima di 20 anni.

La  pensione di invalidità prevede che i requisiti devono essere adeguati all’aspettativa di vita, è previsa una finestra di 12 mesi dal  perfezionamento dei requisiti.

Lo stato di invalidità deve essere effettuato dagli uffici sanitari Inps con la valutazione di una commissione medico giuridica che dovrà valutare  e certificare lo stato invalidante del richiedente. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”