Pensione di invalidità troppo bassa, cosa fare

Pensione di invalidità o inabilità troppo bassa per lasciare il lavoro, quale alternativa ci sono? Rispondiamo a questa domanda.

Pensione di invalidità o inabilità, il requisito contributivo di 20 anni e l’età anagrafica anticipata rispetto alla pensione di vecchiaia, rendono l’assegno troppo basso, cosa conviene fare? Cerchiamo di capire quale alternativa rispondendo ad una lettrice, considerando che queste misure sono attualmente in vigore e fanno parte delle pensioni news.

Pensione di invalidità troppo bassa, cosa fare?

Una lettrice ci ha scritto: “Chiedo gentilmente notizie in merito alla mia situazione lavorativa, ho 56 anni, invalida al 75%,con 23 anni di contribuzione con quale possibilità potrei uscire dal sistema lavorativo considerando la mia complicata patologia, e inoltre lavoro per un azienda (part time) municipalizzata, ovviamente essendo troppo bassa la pensione di invalidità sono costretta a lavorare. GrazieE

Purtroppo, non ci sono molte alternative, se lei lavora per un’azienda del settore pubblico, può fare richiesta della pensione di inabilità, sarà una commissione medica a valutare la sua inabilità lavorativa dovuta al suo stato fisico rapportato al lavoro che svolte. La pensione di inabilità lavorativa non prevede la possibilità di lavorare. La pensione è commisurata in base ai contributi e l’età anagrafica. Poi lei lavorando con un contratto part-time i contributi hanno un valore inferiore e questo rende l’assegno pensionistico basso.

Per approfondire, consiglio di leggere: Pensione di invalidità per motivi di salute nel pubblico impiego e assenze per malattia

Alternativa con la RITA o la pensione integrativa 

Se ha aderito ad un fondo pensione può pensare di uscire dal lavoro con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata  che permette per i lavoratori dipendenti (sia settore pubblico che settore privato) un anticipo di cinque anni, mentre, per i lavoratori che hanno perso il lavoro da lungo periodo l’anticipo è di dieci anni. La RITA è conveniente solo se il montante contributivo è alto. 

Comunque, alla RITA potrà accedere al compimento dei 62 anni di età e quindi fra cinque anni circa. 

Trova qui i requisiti e le modalità per questa misura: Pensionamento con la RITA: requisiti, aspetto fiscale e convenienza, guida completa

Aderire ai fondi pensione, perchè anche se non si aderisce alla RITA, sono utili alla fine della carriera lavorativa come pensione integrativa che aiutano ad arrotondare la pensione ordinaria.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”