Pensione di vecchiaia a 71 anni o prima? Anche il precariato conta

Per chi ha svolto lavoro precario per tanti anni, quali sono le possibilità di pensionamento: è necessario attendere i 71 anni o c’è qualche possibilità prima?

Quali sono gli anni di lavoro utile da considerare per il pensionamento? A chi, non avendo raggiunto i 20 anni di contributi, toccherà aspettare i 71 anni di età per poter accedere alla pensione di vecchiaia? E può essere richiesto il trattenimento in servizio per raggiungere i 20 anni di contributi minimi necessari al pensionamento?

Pensione di vecchiaia

Un lettore scrive per chiedere:

Buongiorno,

sono docente di scuola superiore, sono passato di ruolo a 51 anni nell’a.s. 2015/16, quindi con i 20 anni di contribuzione piena potrò andare in pensione a 71 anni, è così?

sempre che non mi vorranno considerare i dieci e più anni di precariato pre ruolo, con relativa contribuzione sparpagliata sui vari spezzoni di ore, e quindi anticipare qualcosa (anche più di qualcosa), sulla suddetta soglia dei 71 anni, è così? 

mi fate sapere qualcosa sulla mail?, attendo vostre risposte, grazie

Innanzitutto è bene precisare che non contano solo gli anni di ruolo ai fini pensionistici, ma tutti i contributi versati compresi quelli da precario.

Se richiede il suo estratto contributivo all’INPS vedrà che saranno presenti anche gli spezzoni della contribuzione derivante dalle supplenze e, magari, in 10 anni avrà certamente accumulato qualche anno di contribuzione utile. ma anche se ha effettuato qualche altro lavoro, al di fuori della scuola, le ha dato diritto a contribuzione utile (in quel caso, però, deve procedere con la pensione in cumulo)

Inoltre tra la contribuzione utile al raggiungimento dei 20 anni di contributi deve considerare anche gli eventuali periodi di disoccupazione indennizzata che danno luogo a contributi figurativi utili sia al diritto che alla misura della pensione.

Infine, se considerando tutto quanto le ho  descritto in precedenza, non riesce comunque a raggiungere i 20 anni di contribuzione necessaria, può, in ogni caso presentare domanda di trattenimento in servizio fino al raggiungimento dei 71 anni. Ma se raggiunge i 20 anni di contributi prima di compiere tale età sarà collocato a riposo non appena raggiunge il diritto alla pensione.

In ogni caso conteggiando tutto, compresa l’eventuale disoccupazione indennizzata, sono quasi certa che riuscirà a raggiungere i 20 anni di contributi più in fretta di quanto pensa.

Per approfondire leggi anche l’articolo sul trattenimento in servizio dei dipendenti del pubblico impiego: Trattenimento in servizio e collocamento a riposo d’ufficio

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.