Pensione di vecchiaia, con quota 100 o con Ape sociale dopo congedo straordinario?

Anche se sulla carta sembrerebbe convenire la quota 100 in molti casi anche optare per l’Ape sociale (entro la fine del 2020) non sarebbe una scelta sbagliata.

Molte volte scegliere la giusta misura per poter accedere alla pensione non risulta facilissimo cercare di capire quale sia la strada migliore, o più veloce per pensionarsi.  Anche se sulla carta sembrerebbe convenire la quota 100 in molti casi anche optare per l’Ape sociale (entro la fine del 2020) non sarebbe una scelta sbagliata. Cerchiamo di capire come funziona.

Pensione quota 100, ape sociale o a 67 anni?

Una nostra lettrice ci chiede:

buongiorno
ho 65 anni   e 38 anni di contributi sto usufruendo del congedo straordinario per la madre con invalidità che terminerà che potrebbe continuare fino al 30.9.2020.
alla fine del periodo di congedo dovrei rientrare al lavoro per circa 1 anno e 7 mesi se decido di andare in pensione di vecchiaia, oppure 1 anno se chiedo quota 100.
sto pensando di chiedere APESOCIAL visto che la azienda mi darebbe anche una buonuscita di circa o 11.000 euro lordi integrando il TFR.
Non posso chiedere riscatto anni di laurea per il periodo che manca alla pensione di vecchiaia perché l’ho già chiesto per una cassa professionisti che ora però non serve purtroppo ai fini contributivi ma solo ai fini retributivi. pago contributi ridotti alla cassa professionisti perché iscritta a contribuzione INPS ex ENPDAP.
facendo totalizzazione ho già 38 anni, essendo iscritta alla cassa professionisti dal 17.7.1981 considerando i periodi coperti da cassa professionisti ma questi non valgono per quota 100.
cosa mi conviene fare per non rischiare di rientrare al lavoro?
grazie

 

Le conviene in ogni caso fruire del congedo straordinario retribuito fino alla sua scadenza poichè in questo modo accumula altri anni di contribuzione. In ogni caso, al termine del congedo dovrà rientrare al lavoro almeno per il tempo che la separa dal pensionamento, ma analizziamo le scelte possibili.

Per la pensione di vecchiaia, ad oggi, le mancherebbero all’incirca 2 anni (può accedere al compimento dei 67 anni ed in teoria, quindi, nel 2021).

Per la pensione quota 100, le occorrono 62 anni di età congiuntamente a 38 anni di contributi, requisiti che possiede entrambi e, quindi, a mio avviso potrebbe accedere non appena concluso il congedo straordinario retribuito.

Per la pensione Ape sociale, invece, sono necessari almeno 63 anni di età congiuntamente a 30 anni di contributi (per i caragiver è necessario prendersi cura di un familiare convivente da almeno 6 mesi) e, anche in questo caso, quindi, potrebbe accedere fin da subito essendo in possesso dei requisiti 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.