Pensione donna nel 2021 con contributi figurativi per cassa integrazione

Pensione donna nel 2021, quale possibilità considerando anche i contributi per cassa integrazione? Nel 2021 la modifica anche del fattore temporale.

Le lavoratrici possono accedere alla pensione Opzione donna valida per tutto il 2020, che prevede i seguenti requisiti: lavoratrici sia dipendenti (privato e pubblico) che autonome, rispettivamente all’età di 58 (dipendenti) 59 (autonome) con un requisito contributivo di 35 anni; entrambi i requisiti devono essere maturati entro il 31 dicembre 2019. Questa misura scade il 31 dicembre 2020, salvo eventuale proroga.

Pensione donna nel 2021

Una lettrice ci scrive:

Buongiorno,

Ho compiuto 61 anni a marzo 2020 e maturerò 35 anni di contributi a settembre 2020.

Da questo mese sono stata messa in CIGS e lo sarò per tutto l’anno.

Vorrei sapere gentilmente se i versamenti figurativi concorrono per l’Opzione Donna e se potrò quindi richiedere la pensione nel 2021 (qualora venisse confermata l’Opzione Donna anche per il prossimo anno).

Io lavoro nel privato e ho versamenti a regime misto (retributivo per circa 11 anni prima del 1995 e 24 anni col retributivo).

Grazie mille per la gentile attenzione

Calcolo interamente con il sistema contributivo

Questa misura pensionistica è una misura penalizzante sotto vari aspetti. Il suo calcolo avviene interamente con il sistema contributivo. Sono considerati i contributi a qualsiasi titolo versati (anche quelli di cassa integrazione) per il raggiungimento dei 35 anni richiesti,  mentre sono esclusi dal cumulo i contributi per malattia e disoccupazione, ma questa non è l’unica penalizzazione.

Non è possibile accedere a questa misura con il cumulo contributivo gratuito o la totalizzazione per raggiungere il requisito contributivo richiesto, quindi per le lavoratrici che hanno versato i contributi in più casse previdenziali non possono cumularli per questa misura.

Per quest’anno questa misura è valida è prevede che entrambi i requisiti (età e contributi) siano maturati entro il 31 dicembre 2019.

Una proroga nel 2021 dovrebbe portare anche alla modifica di questo fattore temporale e solo così molte lavoratrici potranno accedere.

Al momento vista la situazione economica e sanitaria che attraversa l’Italia non è possibile fare previsioni.

Ti potrebbe interessare anche: Riforma pensioni 2020 e fase 2: Quota 100 e Quota 41 a rischio?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”