Pensione e servizio militare: c’è differenza fra servizio obbligatorio e volontario

Pensione e contributi figurativi del servizio militare, c’è differenza fra servizio di leva obbligatorio e servizio volontario.

I contributi figurativi per il periodo di servizio militare sono validi per il diritto che per la misura di tutte le forme pensionistiche, comprese quelle di anzianità. L’accredito dei contributi figurativi interessa sia: i lavoratori iscritti nell’AGO dei lavoratori dipendenti; nelle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (agricoli autonomi e artigiani/commercianti); i lavoratori nei fondi sostitutivi ed esclusivi dell’assicurazione generale obbligatoria. L’accredito contributivo del servizio militare non può essere riconosciuto nella gestione separata in quanto la legge 335 del 1995 non prevede tale possibilità per i lavoratori parasubordinati.

Contributi accreditabili: differenza fra servizio obbligatorio o volontario

Il servizio obbligatorio è stato sospeso dal 1° gennaio 2016, ai fini dell’accredito contributivo figurativo, occorre fare una distinzione a seconda se il periodo di leva è stato svolto obbligatoriamente o volontariamente.

Servizio di leva obbligatorio

In riferimento al servizio di leva obbligatorio sono accreditabili i periodi di servizio militare prestato nell’Arma dei Carabinieri e Forze Armate Italiane, e quelli svolti sino al 31 dicembre 2005. La normativa prevede che possono essere accreditati i periodi compresi tra la data iniziali di chiamata alle armi e quella della collocazione in congedo illimitato. Sono considerati accreditabili anche i periodi di licenza.

Servizio Volontario

La lega obbligatoria è stata sospesa nel 2005 e dal 1° gennaio 2006 tale sospensione ha fatto venir meno il riconoscimento della contribuzione figurativa per il servizio militare prestato volontariamente.

L’articolo 49 della legge 153/1969 ha lo scopo di evitare che ci siano pregiudizi in relazione ad eventi che impediscano l’attività lavorativa a causa dell’adempimento di un obbligo nascente dalla legge alla quale non è possibile sottrarsi.

In base a questo principio, decade l’accredito della contribuzione figurativa in quanto il servizio militare avviene su domanda dell’interessato.

Quindi, questo periodo può essere valorizzato con il riconoscimento di contribuzione figurativa solo attraverso il riscatto con oneri a carico dell’interessato.

Servizio militare e calcolo pensione

Salve, volevo chiedere, se l’anno del servizio militare e valido per i 18 anni di retribuzione fino al 1995. Io assunto giugno 1979 anno di servizio militare 1978. La mia pensione viene calcolata come?

Risposta: Come sopra riportato i contributi figurativi per il servizio militare, sono validi sia al diritto che al calcolo della misura pensionistica scelta.

Per stabilire l’importo della pensione, non si tiene conto degli ultimi anni di retribuzione ma dell’ammontare dei versamenti dell’intera vita assicurativa. Sono interessate al calcolo contributivo le pensioni:

  • di tutti gli assicurati prima del 1996 con una anzianità contributiva inferiore ai 18 anni al 31 dicembre 1995, per la quota della pensione calcolata con il sistema a partire dal 1° gennaio 1996 fino al momento del pensionamento;
  • di tutti gli assicurati prima del 1996 con una anzianità contributiva pari o superiore ai 18 anni al 31 dicembre 1995, per la quota della pensione calcolata con il sistema contributivo per la contribuzione accreditata dal 1° gennaio 2012 al momento del pensionamento;
  • dei lavoratori che hanno iniziato a lavorare e versare la contribuzione obbligatoria dal 1° gennaio del 1996.

I contributi figurativi sono utili per determinare al diritto della pensione e sono utili al calcolo della pensione. Sono contributi validi a tutti gli effetti.

Per maggiori informazioni, consigliamo di leggere: Pensione e servizio militare, nel calcolo dell’assegno i contributi figurativi sono considerati?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”