Pensione invalidità e revoca prestazione con legge Fornero

Revoca pensione di invalidità per effetto della legge Fornero e sua illegittimità.

Buongiorno, mi è stata revocata la pensione di invalidità, da maggio 2017 non percepisco alcuna retribuzione per effetto della legge Fornero che revocava la pensione hai condannati. Mi trovo in detenzione domiciliare dal 2012 per gravi motivi di salute (tretaparesi degenerativa, neoplasie multiple, cardiopatia, epilessia e altro). Ho letto che vari Tribunali hanno accolto i ricorsi di tanti che si sono visti revocare la retribuzione della pensione, per incostituzionalità della legge Fornero e altro, ma ancora ad oggi tutto è fermo. Preciso che mi trovo in gravi difficoltà economiche e non mi è possibile intervenire nemmeno alle mie esigenze più elementari. Alle mie già precarie condizioni di salute (non so quanto possa vivere ancora), anche quelle economiche.  Ma in che paese viviamo? Quando riguarda “loro” e i loro rendiconti Viva la Costituzione. Grazie per l’attenzione

Pensione invalidità e illegittimità della revoca 

Gent.mo Sig.
Con riferimento all’art. 2 e all’art. 38 della nostra Costituzione corre l’obbligo evidenziare la totale illegittimità della revoca delle prestazioni assistenziali nei confronti dei soggetti condannati per gravi reati prevista dall’art. 61 della Legge Fornero. Il Tribunale di Roma Sez. Lavoro, infatti, ha riconosciuto, con tali argomentazioni costituzionali, la grave violazione, affermando il principio assoluto, che ogni cittadino inabile al lavoro nonché sprovvisto di mezzi necessari per vivere, abbia diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.

Cordialmente Avv. Fernanda Elisa De Siena

Leggi anche: Assegno invalidità: come chiedere direttamente la pensione

Avv. Fernanda Elisa De Siena

L'Avv. Fernanda Elisa De Siena del Foro di Roma, dove vive ed esercita, si occupa del diritto civile in senso ampio con specializzazione in diritto previdenziale e lavoro, famiglia e minori.