Pensione lavoratori precoci: servono 40 o 41 anni di contributi?

Per accedere alla pensione riservata ai lavoratori precoci non basta possedere i contributi richiesti, ma servono altri requisiti, vediamo quali.

Ai lavoratori precoci è riconosciuto il beneficio di accedere alla pensione con 41 anni di contributi, con uno “sconto” di 10 mesi per le donne e di 1 anno e 10 mesi per gli uomini. La pensione con quota 41 dei lavoratori precoci è riservata però soltanto a coloro che rientrano nei profili tutelati. Vediamo i requisiti richiesti e chi può accedere.

Pensione quota 41

Un nostro lettore ci chiede:

Buongiorno sono un lavoratore precoce , avendo iniziato a lavorare A16 anni , ora ne ho 53 con 35 anni di contributi versati,  posso andare in pensione a 58 anni con 40 di contributi versati ?

Per accedere alla pensione dei lavoratori precoci sono richiesti 41 anni di contributi e non 40 come erroneamente pensava lei. Non basta però essere un lavoratore precoce ed essere in possesso di 41 anni di contributi per accedere al pensionamento anticipato in questione. La quota 41, infatti, richiede anche che il lavoratore che vi accede appartenga ad uno dei 5 profili tutelati.

Per accedere al pensionamento con quota 41, quindi, è necessario:

  • possedere 41 anni di contributi
  • aver versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età
  • appartenere ad uno dei profili tutelati.

I profili di lavoratori precoci che possono accedere al beneficio sono:

  • disoccupati a seguito di licenziamento che hanno terminato da almeno 3 mesi di fruire dell’intera Naspi spettante
  • lavoratori invalidi con percentuale pari o superiore al 74%
  • lavoratori usuranti
  • lavoratori addetti a mansioni gravose
  • lavoratori che al momento della richiesta assistano da almeno 6 mesi un familiare convivente gravemente disabile in base alla legge 104, articolo 3 comma 3.

Se non appartiene ad uno dei profili sopra elencati, quindi, per accedere al pensionamento dovrà attendere di maturare 42 anni e 10 mesi di contributi.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.