Pensione opzione donna 2020: proroga e penalizzazioni per quali lavoratrici?

A quali lavoratrici estende il diritto di accesso la proroga dell’opzione donna e quali penalizzazioni comporta la misura?

La Legge di Bilancio 2020 prorogherà il regime sperimentale che permette alle donne lavoratrici autonome e dipendente di accedere alla pensione anticipata con un anticipo di 8 o 9 anni accettando un ricalcolo interamente contributivo dell’assegno pensionistico. Ma per quali lavoratrici si apre la possibilità del pensionamento con la proroga?
 

Pensione opzione donna proroga e penalizzazioni

Due nostre lettrici ci scrivono: 
 
  1. Buongiorno, sono una lavoratrice del pubblico Impiego e vorrei avere informazioni circa opzione donna. Lavoro senza soluzione di continuità dal 16 luglio 1979 ed ho compiuto 60 anni il 18 marzo 2019. Vorrei sapere se posso accedere a tale opzione, quando la pensione sarebbe erogata e se, qualora lo fosse, in che misura sarebbe decurtata. Resto in attesa di un cortese riscontro alla presente Cordialmente
  2. Ho compiuto 56 il 10 luglio 2019. Assunta in maggio 1990 da ente comunale.(servizi sociali sul territorio e detto fra noi non mi spiego come mai non siano annoverati fra i mestieri usuranti)Ho fatto ricongiunzione pari a 6 anni e 6 gg x contributi versati precedentemente. Qualora opzione donna venisse rinnovata con possibilità di uscita a 58 anni, le chiedo cortesemente quale decurtazione avrei sulla pensione ed eventualmente quale finestra di uscita. Cordiali saluti.

Pensione opzione donna quali requisiti?

Attualmente la pensione opzione donna permette alle lavoratrici autonome con 59 anni compiuti entro il 31 dicembre 2018 e alle lavoratrici dipendenti che entro la stessa data abbiano compiuto 58 anni di accedere al pensionamento con 35 anni di contributi (maturati sempre entro la fine del 2018).

La novità introdotta nella legge di Bilancio 2020 permette l’accesso alla pensione con il regime sperimentale alle lavoratrici autonome che compiono i 59 anni e alle lavoratrici dipendenti che ne compiono 58 (contestualmente alla maturazione dei 35 anni di contributi) entro il 31 dicembre 2019. 

La platea delle beneficiarie, quindi, si amplia alle lavoratrici autonome nate entro il 1960 e alle dipendenti nate entro il 1961.

Per rispondere alle nostre lettrici:

1)Con quasi 40 anni di contributi versati e 60 anni di età può benissimo accedere, fin da subito e senza attendere la finestra dei 12 mesi per la decorrenza della pensione, all’opzione donna accettando un ricalcolo interamente contributivo del suo assegno pensionistico. La decurtazione dell’opzione donna è rappresentata proprio dal ricalcolo contributivo dell’assegno che in alcuni casi porta ad una perdita del 30% dell’importo della pensione. Nel suo caso i 17  anni di contributi versati prima del 1996 e che ricadono nel calcolo retributivo sarebbero considerati soltanto nel contributivo. Io non so dirle a quanto ammonterebbe la decurtazione (ma potrebbe farsi fare una simulazione dal patronato per capire meglio) ma mancandole soltanto 1 anno e 10 mesi alla pensione anticipata, se la decurtazione fosse importante perchè non attendere?

2) Potrebbe accedere al pensionamento con l’opzione donna soltanto qualora la misura fosse resa strumentale o prorogata fino al 2022 (comprendendo, quindi, anche coloro che raggiungono i requisiti anagrafici e contributivi entro il 31 dicembre 2021). Per la decurtazione può leggere la risposta al punto uno, in cui spiego a quanto ammonta e in cosa consiste.

 
 
 

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.