Pensione per invalidità con 26 anni di contributi: quali possibilità?

Quando non ci sono possibilità di accedere alla pensione anticipata al lavoratore invalido non resta che attendere i 67 anni, ma può farlo percependo l’assegno ordinario di invalidità.

Quali possibilità di pensionamento per un invalido che ha soltanto 26 anni di contributi con 62 anni di età? Vediamo i benefici previdenziali e quali possibilità di accedere alla pensione anticipata potrebbero esserci e in quali casi, invece, è necessario attendere i 67 anni per la pensione di vecchiaia.

Pensione con invalidità

Un nostro lettore ci scrive:

Ho circa 26 anni di lavoro ed ho un invalidità del 77% ed a gennaio 2020 faccio 62 anni, ho anche art. 3 comma 3 x i 3 giorni di 104 e mi avevano dato anche la pensione di 286 euro, ma non l’ho mai presa perché il mio reddito è di 15.000 euro circa, vorrei sapere se è possibile percepire la pensione e se posso andare in pensione??? Mi può dare questa informazione? Se è possibile desidero parlare con qualcuno di voi, fatemi sapere e grazie

Purtroppo pur essendo in possesso di una percentuale abbastanza alta di invalidità non ha moltissime strade per il pensionamento anticipato. Soltanto 2 misure permettono ai lavoratori invalidi la pensione anticipata che non sia quella ordinaria e si tratta dell’Ape sociale e della quota 41.

Per la quota 41 occorrono 41 anni di contributi e l’appartenenza al lavoro precoce.

Per l’Ape sociale, prorogata anche nel 2020, servono invece, per il lavoratori invalidi 63 anni di età ed almeno 30 anni di contributi. potendo accedere alla misura soltanto il prossimo anno potrebbe maturare un altro anno di contributi giungendo, in questo modo, ai 27 anni. Per ogni anno, poi, in cui ha lavorato con invalidità superiore al 74% le saranno riconosciuti 2 mesi di contribuzione figurativa.

Se, quindi, con la contribuzione figurativa derivante dalla maggiorazione contributiva riesce a raggiungere i 30 anni di contributi al compimento dei 63 anni potrà presentare domanda di accesso all’Ape sociale. In alternativa dovrà attendere di compiere i 67 anni per poter accedere alla pensione di vecchiaia.

Assegno ordinario di invalidità

Avendo, poi, la capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo a causa della sua invalidità può presentare domanda per l’assegno ordinario di invalidità se è in possesso di almeno 5 anni di contributi di cui almeno 3 versati negli ultimi 5 anni.

L’assegno spettante sarà calcolato sui contributi effettivamente versati al momento della richiesta.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.