Pensione precoci quota 41 caregiver: quando si richiede?

Quando è meglio presentare domanda di pensione con quota 41 visto che deve essere accettato anche il riconoscimento del beneficio?

Per i lavoratori precoci, ovvero coloro che hanno maturato 12 mesi di contributi prima di compiere i 19 anni di età, è prevista, in alcuni casi, la possibilità di pensionamento alla maturazione dei 41 anni di contributi con la quota 41. Cerchiamo di capire quando è meglio presentare domanda di pensionamento per poter avere la liquidazione della prestazione alla sua decorrenza.

Pensione quota 41 e domanda

Un nostro lettore ci chiede:

Scrivo  per sapere una informazione  . Ho maturato 40 anni di contributi  quest’ anno a Ottobre , faccio parte dei lavoratori precoci e  usufruisco della legge 104 per assistere mio padre con invalidità  al 100 × 100 . Chiedo se posso andare in pensione co 41 anni di contributi  maturati .Se è si , quando posso recarmi dal patronato per fare la domanda ? Devo aspettare  di aver maturato 41 anni di contributi oppure devo fare la domanda prima perché magari ci sia  un tempo massimo per presentare la domanda prima che scade legge dei precoci? La mia categoria di lavoratore  è operaio dipendente . Saluti e grazie per una gradita risposta

Innanzitutto è bene precisare che non basta prendersi cura di un familiare con invalidità al 100%. Per poter accedere alla quota 41 è necessario che il lavoratore precoce assista da almeno 6 mesi un familiare convivente con grave disabilità in base alla legge 104, articolo 3, comma 3. Per poter essere beneficiario della quota 41, quindi, è necessaria la convivenza con suo padre, che assiste, da almeno 6 mesi. Se non ha convivenza con suo padre, in ogni caso, ha tutto il tempo per ovviare alla mancanza, mancando ancora 1 anno per la maturazione dei 41 anni di contributi necessari.

Per quanto riguarda, invece, la presentazione della domanda le consiglio di farla con un certo anticipo: prima, infatti, dovrà presentare la domanda per il riconoscimento del lavoro precoce e solo una volta ottenuto il riconoscimento potrà presentare vera e propria domanda di pensione che richiede, comunque, sempre qualche mese per essere accettata.

Le consiglierei, quindi, di iniziare già con il nuovo anno a rivolgersi ai sindacati visto che la domanda di riconoscimento del beneficio va presentata entro il 1 marzo di ogni anno.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.