Pensione Quota 100 a 62 anni sostenuta dalla “pace contributiva”

Pensione Quota 100 con 62 anni e 38 anni di contributi, finanziata dalla pace contributiva, ecco di cosa si tratta e cosa prevede la nuova misura.

Pensione Quota 100, negli ultimi giorni le novità si rincorrono. Passa la riforma della Fornero targata Lega passa per Quota 100 con 62 anni minimi di età e 38 di contributi.

Il finanziamento della misura verrebbe sostenuto con Pace contributiva, per chi intende aderire. Ma vediamo di cosa si tratta.

Pensione Quota 100 e pace contributiva

Analizziamo in cosa consiste la pace contributiva. Con questa nuova misura, la Quota 100 si finanzierebbe con la pace contributiva, che consiste, nel riempire i buchi contributivi. Nello specifico chi ha dei buchi di versamento contributivo dopo il 1996 potrebbe chiuderli con ratei volontari beneficiando di sconti per il recupero. Questo sistema favorisce la contribuzione volontaria da parte dei lavoratori, almeno per quelli che vogliono aderire alla pensione Quota 100.

I costi complessivi previsti per la Quota 100, si aggirano sui 7-8 miliardi nel primo anno di applicazione. Le proposte per far scendere questo livello di circa 3 miliardi, sono:

  • incentivare il ricorso ai fondi di solidarietà per il pensionamento di lavoratori in esubero;
  • introdurre un ricalcolo contributivo per chi sceglie la Quota 100, con un abbattimento del 10-15% dell’assegno, (quest’opzione attualmente ignorata).

L’ipotesi di “pace contributiva”, potrebbe essere interessante per i lavoratori autonomi. Inoltre, l’Ocse ha chiesto di non smontare la legge Fornero, il nuovo Governo ha fatto una promessa agli italiani, e se non smontata sarà sicuramente modificata la tanto odiata Legge Fornero. Si attendono nuovi chiarimenti. 

Ricordiamo che il governo è allo studio sulla Pace Fiscale, per tutti i contribuenti che vorranno fare pace con il Fisco.

Per sapere le ultime informazioni, leggi: Pace fiscale 2019: l’integrativa tombale paralizza la riscossione?

Quota 100


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.