Pensione quota 100 e contributi figurativi: cosa dice il decretone?

Il decreto non dissipa i dubbi sull’utilizzo dei contributi figurativi nella quota 100: da attendere che la misura diventi ufficiale.

  1. Buongiorno
    ho 65 anni e 40 di contributi figurativi+contributivi.
    29 versati + 9 di lavoro in Svizzera + 2 tra naspi varie.
    Nella quota 100 di ieri i figurativi valgono?
    Grazie x la risposta
  2. Salve. Vorrei porre un quesito se possibile. Ho compiuto 62 anni ad ottobre 2018, ho 39 anni di contributi di cui 9 anni FIGURATIVI,cassa integrazione e mobilità. Rientro nella QUOTA 100. Grazie per la risposta.

Attualmente non c’è una risposta certa a queste domande: il decreto non scioglie i dubbi sui contributi figurativi che potranno essere usati per accedere alla quota 100 e per dissipare ogni incertezza bisognerà attendere che la misura diventi ufficiale per poterla analizzare nel dettaglio.

Per altre prestazioni (con l’eccezione dell’opzione donna) non sono previsti limiti massimi di utilizzo dei contributi figurativi anche se l’articolo 15 del Dlgs 503 del 1992 dispone che per i lavoratori che non hanno contribuzione accreditata al 31 dicembre 1992 solo ai fini della pensione di anzianità (attuale pensione anticipata) non possono essere utilizzati più di 5 anni di contributi figurativi.

Se si volesse fare un paragone fra quota 100 e pensione anticipata potrebbe essere posto, anche per la quota 100 tale limite ma certezza non se ne può avere al momento.

Per avere certezze, quindi, bisognerà attendere che la misura venga messa sulla carta.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.