Pensione Quota 100 e ferie non godute nel periodo di preavviso

Pensione anticipata Quota 100 e dubbi sul godimento delle ferie nel periodo di preavviso: analizziamo cosa prevede la normativa.

I dipendenti del settore pubblico per aderire alla pensione anticipata Quota 100 sono obbligati dal primo gennaio 2019, a presentare all’amministrazione un preavviso di sei mesi. Ma cosa succede se si hanno ferie da smaltire e nello stesso tempo i requisiti per accedere alla Quota 100: 62 anni di età anagrafica e 38 anni di contributi? La normativa del lavoro chiarisce quando e come possono essere monetizzate le ferie e se possono essere godute nel periodo di preavviso. Un lettore ci ha posto una domanda specifica, in quest’articolo analizzeremo la normativa vigente rispondendo al nostro lettore.

Pensione Quota 100 e ferie non godute nel periodo di preavviso 

Sono un dipendente PA precisamente dirigente presso un ente locale, avendo deciso di aderire alla pensione quota 100 ho inoltrato all’ente di appartenenza il preavviso di sei mesi che mi consente di essere collocato in quiescenza a partire dal 01/08/2019 Le chiedo se avendo alla data odierna maturato un numero di giorni di ferie pari a 79, comprese quelle non godute anni precedenti, se sia possibile godere dei giorni di ferie residui fino al 31 luglio 2019.

Inoltre, se dovessi decidere di mettermi in ferie fino alla data del 31 luglio 2019 per poter usufruire di una parte di ferie non godute vorrei sapere se anche la data per il pensionamento slitta di un tempo pari alle ferie effettuate fino al 31/07/2019

Ringrazio in anticipo e porgo cordiali saluti

Pensione Quota 100: le ferie allungano il periodo di preavviso

La fruizione delle ferie durante il preavviso ne allunga i tempi, spostando in avanti la data di licenziamento. Il periodo di preavviso deve intendersi come un periodo di lavoro effettivamente svolto, quindi qualsiasi interruzione (ferie, permessi, malattia, ecc.) ne allunga i tempi. Il lavoratore matura il diritto alle ferie anche nel periodo di preavviso.

Le ferie sono irrinunciabili e non possono essere pagate, tranne in un’unica eccezione: le ferie non godute vengono monetizzate solo quando si interrompe il rapporto di lavoro. La monetizzazione delle ferie è regolata dall’art. 18 del CCNL del 6 luglio 1995, che mette dei punti fermi, chiarendo che possono essere monetizzate solo all’atto di cessazione del rapporto di lavoro ed esclusivamente per le ferie non godute da dove risulti con un’adeguata documentazione, la mancanza di fruizione per motivi di servizio.

Ferie non godute e monetizzazione: la documentazione da presentare

Riepilogando, le ferie non godute degli anni successivi, per essere monetizzate bisogna dimostrare la documentazione di dissenso alla richiesta delle ferie del lavoratore per motivi di servizio. La documentazione dovrà avere data certa. Esiste anche un’altra possibilità di monetizzazione delle ferie, sempre per cessazione del rapporto di lavoro, quando il dipendente è stato licenziato per superamento del periodo di comporto per malattia, quindi, non è imputabile al lavoratore la mancanza della fruizione delle ferie.  

In conclusione

Se lei decide di fruire delle ferie nel periodo di preavviso di pensionamento per Quota 100, i tempi si allungano e quindi slitta anche la data del 31 luglio di fine rapporto; salvo diverso accordo con il datore di lavoro. Inoltre, per le ferie non godute degli anni precedenti, come sopra riportato per essere monetizzate, dovrà dimostrare la documentazione idonea a giustificare la mancanza di fruizione per esigenze di servizio.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”