Pensione quota 100: l’assegno sarà pieno o penalizzato?

Sono previste penalizzazioni sul calcolo dell’assegno pensionistico della quota 100 o quest’ultimo sarà pieno?

Mi scusi  sono una dipendente comunale in servizio dal 6/4/1983, ho riscattato 2 anni e 4 mesi di contributi, quindi mi ritrovo con 38 anni di contributi non figurativi e 62 anni di età che compirò il 27/2/2019. Con questa manovra del Governo con la quota 100 ci è stato garantito che non avremo penalizzazioni. Ma non comprendo se il calcolo dell’assegno sarà solo contributivo e se avremo un abbuono di 5 anni  come avviene in molti enti privati come le FFSS per far si che i propri dipendenti vadano in pensione o per esubero o per altro…Se non avremo alcuna penalizzazione sull’assegno, allora quest’ultimo sarà pieno ?

 

L’assegno che percepirebbe accedendo alla pensione con la quota 100 non sarebbe penalizzato nè tanto meno calcolato con il sistema contributivo ma come gli assegni pensionistici di tutte le altre prestazioni, ovvero:

  • Per chi ha iniziato a lavorare dopo il 31 dicembre 1995 il calcolo della pensione sarà interamente contributivo.
  • Il calcolo retributivo resta per i contributi versati fino al 31 dicembre 2011 per chi aveva maturato 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995.
  • Il calcolo retributivo per i contributi versati fino al 31 dicembre 1995 per tutti coloro che in tale data lavoravano ma non avevano maturato 18 anni di contributi.

Il governo ha, quindi, ragione che non ci sarebbero penalizzazioni sull’assegno. In ogni caso per averne certezza bisognerà attendere il decreto attuativo della misura dove sarà scritto nero su bianco che le penalizzazioni non sono previste.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.