Pensione Quota 41 nel 2020: sarà senza vincoli o sarà ripristinata la legge Fornero?

Pensione Quota 41 nel 2020, sarà senza lavoro precoce e tutele o si ritornerà all’aspettativa di vita della Fornero con l’incremento dei 5 mesi?

Pensione Quota 41 destinata ai lavoratori precoci che hanno maturato almeno un anno di contributi effettivi di lavoro (precoce) e che hanno raggiunto il requisito contributivo di 41 anni. Inoltre, per poter accedere bisogna trovarsi nelle categorie di tutela dettate dalla misura. Il requisito contributivo di 41 anni di età, con il decreto legge n. 4/2019, ha subito il blocco dell’aspettativa di vita di 5 mesi inserita dalla legge Fornero. In questi giorni, la riforma pensioni fa parlare molto e sono tante le preoccupazioni dei lettori, in quanto si teme per le misure pensionistiche messe in atto dal Governo Lega – M5s. Sembra essere andata in fumo la promessa Quota 41 per tutti nel 2020, in ottica della possibile coalizione del Movimento 5 stelle con il Partito democratico. 

Elenco delle tutele in aggiunta del lavoro precoce 

Per poter accedere alla Quota 41 i lavoratori devono trovarsi in una delle seguenti categorie di tutele:

  • Lavoratore disoccupato licenziato, che ha perso involontariamente il lavoro anche per giusta causa. Bisogna aver maturato tre mesi dalla intera prestazione dell’indennità di disoccupazione Naspi;
  • Lavoratore con un’invalidità uguale o superiore al 74%;
  • Lavoratore “Caregiver” che assiste da almeno sei mesi il familiare con disabilità grave (legge 104 art. 3 comma 3);
  • Lavoratore che svolge mansioni lavorative pesanti e faticose “lavoro gravoso e usurante”.

Il decreto-legge n. 4/2019 ha sospeso l’aspettativa di vita di 5 mesi voluta dalla legge Fornero e ha inserito una finestra mobile di tre mesi dalla maturazione dei requisiti.

Pensione Quota 41 indipendentemente dall’età anagrafica

Molti i lettori che ci chiedono se possono accedere con 41 anni di contributi, indipendentemente dall’età, al pensionamento con Quota 41, come la nostra lettrice: Buona sera, vorrei sapere come sono messa con la pensione, Sono stata dipendente dal 1976 al 2017,,, grazie mille.

Gent.ma, lei dal 1976 al 2017 ha maturato 41 anni di contributi, consiglio sempre di controllare l’estratto contributivo, e se si trova nella situazione di disoccupata, lei ha una delle tutele richieste. Per poter fare domanda deve aver maturato anche un anno di contributi effettivi lavorati, anche frazionati, prima del compimento del 19° anno di età. Quindi, se ha i seguenti requisiti può fare domanda perché la quota 41 prevede un requisito contributivo di 41 anni indipendentemente dall’età. 

Pensione quota 41: aspettativa di vita nel 2020

Il decreto legge n. 4/2019 ha frenato l’incremento dell’aspettativa di vita inserita con la legge Fornero, che già dal 2019 prevedeva un requisito contributivo di 5 mesi, quindi bisognava aver maturato 41 anni e 5 mesi per poter accedere al pensionamento con questa misura. A tale incremento è stato messo un freno, ma al suo posto è stata inserita una finestra di tre mesi dalla maturazione dei requisiti. Per molti lavoratori l’inserimento della finestra è risultata ingiusta.

Quota 41 per disoccupati: 3 mesi dalla Naspi e 3 mesi di finestra, sono 6 mesi

La pensione quota 41 per tutti senza lavoro precoce e tutele che doveva essere inserita nella legge di Bilancio 2020, sembra solo un ricordo lontano. La preoccupazione dei lavoratori è il possibile ripristino dell’aspettativa di vita dal 2020 e che il requisito contributivo richiesto aumenti portandosi dietro anche la finestra di tre mesi. Le preoccupazioni si fanno sempre più forti negli ultimi giorni alimentate dall’ipotesi di coalizione del M5s e il Pd.

Pensione e coalizione M5s e Pd, Parole della Fornero, Legge 104 e congedo retribuito, le novità della giornata

La stessa Fornero alla fine del mese di luglio 2019, in un’intervista rilasciata ad UnoMattina Estate, spiegava che la pensione anticipata quota 41 non è un obiettivo primario. Infatti, si trova contraria alla quota 41 dal 2020 per tutti, in quanto bisogna creare nuove risorse occupazionali e così poter sanare i buchi contributivi. In un’ottica del futuro, contrasta la riforma pensioni attuale e quella prossima consigliando di puntare al welfare, senza lavoro le pensioni non si possono pagare.


Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest – Youtube – contattaci su Whatsapp al nuovo numero 3516559380 - inserite questo numero in rubrica e inviarci il seguente messaggio tramite whatsapp: "notizie", vi risponderemo il prima possibile.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Proprietaria, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”