Pensione quota 41 precoci: continuerà ad esserci nel 2019?

Sarà ancora possibile nel 2019 accedere alla pensione anticipata quota 41 dedicata ai lavoratori precoci o c’è qualche cambiamento?

Ma la quota 41 per lavoratori precoci è saltata o no !! Grazie per la vostra cortesia 

 

Con l’approvazione della quota 100 nessun cambiamento è previsto per la pensione di vecchiaia, per quella anticipata e per la quota 41 lavoratori precoci.

Quota 41: cosa cambia nel 2019?

La pensione quota 41 dedicata ai lavoratori precoci, introdotta dalla Legge di Bilancio 2017, è una misura strutturale per permettere ai lavoratori che hanno iniziato a versare contributi 12 mesi prima del compimento dei 19 anni di età di accedere alla pensione con un requisito contributivo ridotto alla pensione anticipata, ovvero con 41 anni di contributi (che nel 2019 diventeranno 41 anni e 5 mesi di contributi).

Nel 2019 nulla cambierà per questo tipo di pensionamento, se non l’aumento dei 5 mesi di contributi (che già prevedendo l’aumento è chiaro che la misura sarà ancora in vigore). Gli stanziamenti per la misura coprono, tra l’altro il 2019 e il 2020 e per questo biennio, quindi, la sicurezza della permanenza della misura dovrebbe esserci ( 570 milioni di euro per il 2019 e 590 milioni di euro dal 2020.).

Nel 2020, poi, dovrebbe essere attuata la pensione con 41 anni di contributi per tutti e, in questo caso, la quota 41 precoci potrebbe non avere più senso attuando una pensione che richiede gli stessi anni di contributi senza, però, i paletti richiesti dall’attuale quota 41.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.