Pensione quota 41: tutele e paletti oggi, scenari possibili domani

Pensione quota 41 oggi con tanti vincoli da rispettare, cosa sarà domani? Quale aspettative si prevedono? Tante incertezze e domande.

La pensione Quota 41 è destinata ai lavoratori precoci e prevede particolari requisiti oltre ad un’anzianità contributiva di 41 anni. Il governo Salvini – Di Maio, con il famoso avevano previsto la quota 41 aperta a tutti, solo con 41 anni di contributi, senza tutele e regole. Dalla promessa sono cambiate tante cose, la prima cosa a cambiare sono state le poltrone, con la lega che ha lasciato spazio al Pd. In tutti questi scenari, anche la pandemia Covid ha fatto e sta facendo il suo percorso. Ma cosa succederà alla quota 41? Per il 2021, dalle indiscrezioni dall’ultimo tavolo tecnico del ministro del Lavoro e i sindacati, non ci saranno contraccolpi, e per la quota41 non dovrebbe subire modifiche, poi vi aggiorneremo sulle novità. La pensione quota 41 nel 2020 ha requisiti specifici e vincolanti, fa parte delle pensioni news di quest’anno, analizziamo in breve i requisiti rispondendo ad un nostro lettore. 

Pensione quota 41

Un lettore ci scrive: “Buongiorno.. Il 27 giugno del 1978 avevo compiuto 18… 1° settembre ho iniziato il mio primo lavoro oggi ho a dicembre 40 anni di lavoro… Posso entrare nei 41 precoci? Grazie”

Possono accedere alla pensione quota 41 coloro che hanno maturato almeno un anno di contributi prima del compimento del diciannovesimo anno di età, per anno si intendono 52 settimane di contributi utili, quindi, può verificare dal suo estratto conto se ha maturato le 52 settimane per rientrare nei lavoratori precoci. 

Il solo lavoro precoce non basta, bisogna aver maturato un requisito contributivo di 41 anni e trovarsi in una delle categorie di tutele:  lavoratore che ha finito di percepire la disoccupazione da tre mesi; lavoratore con invalidità con una percentuale del 74%; lavoratore caregiver da almeno sei mesi; lavoratore che effettua un lavoro usurante e gravoso. 

Possono accedere a questa misura i lavoratori che soddisfano questi requisiti, prevista anche una finestra mobile di tre mesi dalla maturazione di tutti i requisiti. 

Riepilogando, lei può accedere alla pensione quota 41 se ha maturato 52 settimane di contributi prima del compimento del 19° anno; se ha raggiunto i 41 anni di contributi e se si trova in una delle quattro categorie di tutela sopra elencate.

Se non soddisfa questi requisiti non può accedere alla quota 41, ma con un anno e 10 mesi in più, a 42 e 10 mesi di contributi può accedere alla pensione anticipata, che prevede solo il requisito contributivo. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”