Pensione senza 20 anni di contributi: vediamo le possibilità

Quali possibilità di pensionamento per chi non raggiunge i 20 anni di contributi? Attenzione alla convenienza del pensionamento contro l’assegno sociale.

Per accedere alla pensione di vecchiaia, in Italia, sono necessari almeno 20 anni di contributi versati. Solo in alcuni rari casi è possibile accedere con 15 anni di contributi grazie alle pensioni quindicenni previste dalle deroghe Amato o con almeno 5 anni grazie alla pensione di vecchiaia contributiva. In ogni caso queste possibilità sono offerte ad una platea molto ristretta di beneficiari richiedendo degli specifici requisiti contributivi ed un’età sempre fissata a 67 anni.

Pensione con meno di 20 anni di contributi

Un lettore scrive: Buonasera, mia madre ha circa 19 anni e 8 mesi di contributi come collaboratore scolastico. Ha iniziato a lavorare nel 2000,è andata in pensione a settembre 2019,ma solo a febbraio ci hanno consigliato di fare richiesta per assegno sociale, che l’è stato concesso. Vorrei sapere se x i 19 anni e 8 mesi  di contributi che ha le può essere riconosciuto un’ulteriore indennità, cumulabile con l’ assegno sociale. Grazie

Visto che i contributi sono stati versati tutti dopo il 1995, sua madre al compimento dei 71 anni ha diritto alla pensione di vecchiaia contributiva che richiede almeno 5 anni di contributi e che tutti i contributi ricadano nel sistema contributivo puro.

Non mi specifica l’età di sua madre ma suppongo quasi 68 anni visto che ha smesso di lavorare da quasi un anno. Premettendo che, in ogni caso sua madre aveva diritto a presentare domanda di trattenimento in servizio per raggiungere i 20 anni di contributi (ma doveva essere lei a presentare domanda) se in ogni caso volesse accedere al pensionamento prima dei 71 anni dovrebbe percorrere la strada dei versamenti volontari.

Versando i 4 mesi mancanti al raggiungimento dei 20 anni di contributi richiesti, infatti, potrebbe accedere alla pensione di vecchiaia fin da subito. In ogni caso, sia che acceda alla pensione di vecchiaia a 71 anni, sia che scelga la strada dei contributi volontari per avere la pensione prima al momento del pensionamento l’assegno sociale non sarebbe più corrisposto, e deve fare attenzione anche a questo visto che sua madre ha diritto in ogni caso ad una pensione contributiva e quest’ultima non prevede l’integrazione al trattamento minimo (la cosiddetta integrazione al milione per chi rispetta i requisiti reddituali richiesti) e la pensione spettante potrebbe risultare essere più bassa dell’assegno sociale.

Le consiglio, in ogni caso, prima di fare qualsiasi passo, di far simulare la pensione spettante a sua madre per capire se le convenga maggiormente percepire l’assegno sociale o la pensione spettante.

Per approfondire consiglio la lettura di: Pensione minima a chi spetta il trattamento di integrazione? Importi e requisiti


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.