Pensioni 2019: dall’opzione donna alla pensione anticipata le FAQ aggiornate

Rispondiamo alle domande più frequenti su quota 100, pensione anticipata, pensione opzione donna e pensionamenti 2019.

Continuano ad arrivarci moltissime mail da parte dei nostri lettori sempre più confusi sulle modalità di accesso alla pensione nel 2019 e negli anni successivi ed in particolare per quel che riguarda l’opzione donna, la quota 100 e le novità introdotte per le pensione anticipata. Nel nostro piccolo continuiamo a rispondere nei modi e nei tempi disponibili alle domande che ci sembrano più interessanti alla platea dei nostri lettori e per questo articolo abbiamo selezionato tre domande distinte.

Quando in pensione con 39 anni di contributi?

Buongiorno, sono nata il 12 febbraio 1961, ho 39 anni di contributi al 1 settembre 2018.Da premettere che sto continuando a versare i contributi volontari,quando potrò andare in pensione?Grazie cordiali 

Purtroppo, essendo nata nel 1961, non rientra nell’opzione donna e non riuscirà ad accedere entro il 2021 alla quota 100 pur avendo 39 anni di contributi. L’unica speranza di una pensione prima dei 67 anni è continuare a versare contributi volontari fino ad arrivare a 41 anni e 10 mesi per accedere alla pensione anticipata.

Quota 100: entro quando la revoca della domanda?

Sono docente di scuola superiore ho presentato domanda di pensionamento a febbraio con la Quota 100 avendo i requisiti richiesti.
Vorrei sapere la data entro la quale è possibile revocare la domanda.

La revoca può essere presentata entro il 28 febbraio, così come avviene per chi presenta domanda di cessazione entro il 12 dicembre che può cambiare idea solo entro il 12 dicembre.

Opzione donna: sono giuste le penalizzazioni?

Purtroppo sono una donna di 59 anni compiuti a gennaio e ai primi di luglio 2019 maturero’ 39 anni di contributi. 
È giusto perdere il 30 % su uno stipendio netto di 1300 euro? O è giusto percepire 780 euro di reddito di cittadinanza senza avere mai lavorato? Non c’è l’ho con chi chiede il reddito di cittadinanza ma con questo starò che secondo me fa cose ingiuste. Quando potrò andare io? La ringrazio ed attendo notizie.  Buona giornata.
 
Io non consiglio mai alle mie lettrici di accedere alla pensione con l’opzione donna poichè le penalizzazioni sono davvero troppo pesanti: un conto è anticipare la pensione di 8 anni con 35 anni di contributi e ammortizzare le penalizzazioni in quegli 8 anni di pensione in più che si percepisce, un conto, come nel suo caso, anticipare soltanto di 2 anni e 10 mesi (quello che le manca per la pensione anticipata). In poco meno di 3 anni non ammortizzerà le penalizzazioni e proprio per questo le consiglio di lavorare fino alla pensione anticipata per percepire una pensione piena e senza decurtazioni.

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.