Pensioni: controlli e verifica dei requisiti dei residente all’estero, sospesi fino ad ottobre

Pensione all’estero bloccati i controlli per la sussistenza in vita, riprenderanno ad ottobre con il nuovo calendario 2021-2020.

L’emergenza Covid-19 ha sospeso tutti gli adempimenti di controllo e verifica per le pensioni dei residenti all’Estero. La campagna 2019-2020 è stata sospesa definitivamente e ad annunciarlo direttamente l’Inps con il messaggio n. 3102/2020.

Pensioni: sospesi i controlli dei residenti all’estero 

Sospesi definitamente i controlli per quest’anno per la verifica della sussistenza in vita dei pensionati residenti all’estero nei seguenti paesi:

Sud America, Nord America,  Estremo Oriente, Asia, Centro America,  i Paesi dell’Est Europa e Paesi limitrofi, Paesi Scandinavi. Gli accertamenti sono solo sospesi riprenderanno ad ottobre 2020. 

L’Inps si è trovato costretto a sospendere, in via del tutto eccezionale la seconda fase di accertamento in vita dei pensionati residenti all’estero che percepiscono le pensioni italiane. 

Inizialmente, gli adempimenti dovevano iniziare a febbraio 2020, proprio nel periodo in cui il Coronavirus è esploso in Italia. Il termine è stato poi posticipato ad agosto 2020 per l’emergenza coronavirus, ora l’Inps con il messaggio n. 3102/2020.

Calendario campagna 2020 – 2021

L’Inps e Citibank hanno formalizzato due differenti fasi per ottobre 2020, con un inversione cronologia celle aree geografiche di verifica

Da ottobre 2020 a marzo 2021, la prima fase di controlli per le pensioni erogate ai pensionati residenti: Sud America, Nord America,  Estremo Oriente, Asia, Centro America,  i Paesi dell’Est Europa e Paesi limitrofi, Paesi Scandinavi.

Le comunicazioni da parte dell’Inps saranno inviate entro ottobre 2020 e i pensionati dovranno attestare l’esistenza in vita entro il  febbraio 2021. 

I pensionati che non rispetteranno le scadenza, dovranno riscuotere personalmente la pensione in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza, in modo da effettuare l’accertamento dell’esistenza in vita in modo diretto. Se la pensione non sarà riscossa entro il 19 marzo 2021, il pagamento della pensione sarà sospeso a partire dal mese di aprile 2021.

Le stesse modalità investiranno le pensioni per i residenti in Euorpa, Oceania e Africa, che a causa dell’emergenza da coronavirus non hanno potuto portare a termine al fase della verifica dell’esistenza in vita per gli anni 2019 – 2020. In via del tutto eccezionale, sono stati sospesi i pagamenti alla scadenza del termine ordinario dei controlli (febbraio 2020). 

I controlli ripartiranno da ottobre 2020 e seguiranno lo stesso iter sopra menzionato. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”