Pensioni oggi calcolo: perchè importo più basso da giugno in poi?

Pensioni oggi calcolo: i pensionati potrebbero essersi accorti, ritirando il proprio assegno di giugno, che l’importo è più basso rispetto ai mesi precedenti. Perchè?

L’assegno delle pensioni di giugno potrebbe essere più basso rispetto agli altri mesi e i pensionati che lo hanno già ritirato potrebbero essersene già accorti. Pensioni oggi calcolo mese di giugno: ma cosa succede all’importo e perché differisce rispetto ai mesi precedenti anche di diverse decine di euro?

Pensioni oggi calcolo giugno

Se si ha la possibilità di scaricare e stampare il cedolino della pensione di giugno, si potrebbe comprendere il perchè del calo.

L’INPS ha resto noto che i cedolini relativi al calcolo pensioni oggi sono già disponibili ed è possibile quindi consultare le voci che lo compongono comprese eventuali trattenute, accrediti e importo lordo spettante.

Pensioni oggi: A spiegare perchè il cedolino di giugno potrebbe essere più basso, in ogni caso, è lo stesso istituto previdenziale: la causa, infatti, potrebbe essere rappresentata da eventuali debiti fiscali del titolare della pensione visto che proprio nel mese di giugno si procede al conguaglio della base imponibile della pensione erogata nel 2019.

Per approfondire vi invitiamo a leggere la categoria pensioni News in cui potete trovare aggiornamenti e novità in ambito previdenziale.

Conguagli pensione giugno

I conguagli, in ogni caso, riguarderanno si la base imponibile ma anche le addizionali regionali e comunali (proprio in questo mese vengono addebitate sulla pensione le rate di addizionali regionali e comunali (acconto e saldo).

Dalle pensione di giugno, quindi, viene tagliata la parte di eventuale debito fiscale presente nel caso dal conguaglio risulti che il titolare della pensione debba pagare il conguaglio dell’anno precedente. Se la cifra da rendere al Fisco, in ogni caso, è abbastanza corposa è bene sapere che le trattenute potrebbero essere anche suddivise in 6 rate mensili e, quindi, l’eventuale importo minore potrebbe ripetersi anche nei prossimi mesi.

Per chi, infatti, ha un reddito annuale lordo pari o inferiore a 18mila euro di pensione, nel caso risultasse un debito fiscale da conguaglio superiore a 100 euro, le trattenute sarebbero spalmate su 6 mesi andando a pesare sull’assegno pensionistico del titolare poco più di 15 euro al mese.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.