Pensioni: quattordicesima per chi percepisce un reddito fino a 1500 euro

Quattordicesima sulla pensione per chi riceve fino a 1500 euro al mese: ecco gli importi, come funziona e chi ne ha diritto

È allo studio una nuova proposta per i pensionati, al riguardo della quattordicesima mensilità che la potranno ricevere anche chi percepisce fino a 1.500 euro al mese, cioè che abbia un reddito non superiore a 2 volte il trattamento minimo. La proposta dovrà essere discussa tra le principali sigle sindacali ed il ministro del lavoro, Catalfo. La proposta consiste nell’erogare la quattordicesima anche a quei pensionati che ricevano una pensione fino a 1.500 euro, quindi per coloro che posseggono un reddito fino a 3 volte il trattamento minimo. Il valore della quattordicesima di oggi è al massimo di 655 euro per chi percepisce un reddito fino a 1,5 volte il trattamento minimo che nel 2019 equivale a 513,01 euro.  Per chi invece possiede un reddito non superiore a 2 volte il minimo l’importo è di 504 euro. Se prendiamo in considerazione che la quattordicesima venga erogata anche per i pensionati con un reddito fino a 3 volte il trattamento minimo, bisogna anche considerare che l’importo che percepiranno come quattordicesima sarà inferiore a 504 euro. Vediamo di seguito come si determina l’importo della quattordicesima in base a diversi requisiti.

La quattordicesima spetta a chi ha redditi fino a 2 volte il minimo?

Per il 2019, ricevono la quattordicesima per un importo fino a 504 euro coloro che hanno raggiunto i  64 anni di età e hanno un reddito che non superi  2 volte il minimo con l’aggiunta dell’importo della quattordicesima. Nello specifico non deve superare:

  • 842,26 euro, per chi ha contributi versati per oltre 25 anni per i lavoratori dipendenti, 18 anni per i lavoratori autonomi;
  • 758,26 euro, per ha oltre di 15 anni di contributi versati ma meno di 25 anni, per i lavoratori autonomi 28 anni;
  • 674,26 euro, per ha fino a 15 anni di contributi versati e 28 anni per i lavoratori autonomi.

La quattordicesima spetta a chi ha un reddito fino a 1,5 volte il minimo?

La quattordicesima sulla pensione, per il 2019, la ricevono per un importo fino a 655 euro i pensionati che hanno compiuto 64 anni e hanno un reddito non superiore a 1,5 volte il minimo con l’aggiunta della quota della quattordicesima. Quindi il reddito non deve superare:

  • 104,69 euro, per i pensionati che hanno meno di 15 anni di contributi, ma 18 anni per i lavoratori autonomi;
  • 129,69 per chi ha meno di 25 contributi versati per i dipendenti, 28 anni per gli autonomi;
  • 154,69 euro per chi ne ha oltre 25, invece 28 se autonomo.

Il calcolo della quattordicesima con redditi sino a 1,5 volte il minimo

La quattordicesima viene calcolata in base ad alcuni requisiti, quello principale sono gli anni di contributi versati e il reddito che si possiede. Vediamo nello specifico quali sono gli importi che possono essere erogati per il 2019, per chi possiede un reddito fino a 1,5 volte il trattamento minimo:

  • 437 euro per i pensionati che hanno contributi versati fino a 15 anni ed era un lavoratore dipendente, fino a 18 anni di contributi per chi era un lavoratore autonomo;
  • 546 euro per i lavoratori dipendenti con oltre 15 anni di contributi e fino a 25 anni, per i lavoratori autonomi oltre 18 anni di contributi e sino a 28 anni;
  • 655 euro oltre 25 anni di contributi per lavoratori dipendente, oltre 28 anni se ex autonomi.

Per i pensionati che posseggono un reddito superiore a 1,5 volte il trattamento minimo, ma che non supera la soglia determinata tra la somma del 1,5 volte il trattamento minimo e l’importo della quattordicesima ipoteticamente spettante, il beneficio si determina dalla differenza tra la soglia illustrata e il reddito percepito.

L’importo della quattordicesima per chi ha redditi sino a 2 volte il minimo

Ecco ora gli importi che erogati, per il 2019, a chi possiede un reddito che non supera 2 volte il trattamento minimo:

  • 336 euro per chi ha fino a 15 anni di contributi, ed era lavoratore dipendente, fino a 18 anni di contributi per chi era un lavoratore autonomo;
  • 420 euro per i lavoratori dipendenti con oltre 15 anni di contributi e fino a 25 anni, o oltre 18 anni di contributi e sino a 28 anni se era lavoratore autonomo;
  • 504 euro le percepirà gli ex dipendenti con oltre 25 anni di contributi, o gli ex autonomi con oltre 28 anni.

Per i pensionati che posseggono un reddito superiore a 2 volte il trattamento minimo, ma che non supera la soglia determinata tra la somma di 2 volte il trattamento minimo e l’importo della quattordicesima ipoteticamente spettante, il beneficio si determina dalla differenza tra la soglia illustrata e il reddito percepito.

La quattordicesima a chi spetta?

I pensionati che possono ricevere la quattordicesima sono chi percepisce:

  • una pensione di anzianità;
  • una pensione anticipata;
  • una pensione di vecchiaia;
  • una pensione ai superstiti, cioè di reversibilità o indiretta;
  • un assegno ordinario di invalidità o una pensione di inabilità.

Le pensioni elencate devono essere riconosciute dall’Inps.

Facciamo presente che la quattordicesima non spetta a chi percepisce le seguenti pensioni:

  • una pensione di invalidità civile;
  • la pensione o l’assegno sociale;
  • una pensione di guerra;
  • una rendita Inail;
  • una pensione liquidata da una cassa professionale.

Quattordicesima pensioni: quali requisiti per il diritto?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.