Pensioni: subito Ape Sociale e Opzione donna con requisiti rafforzati, riforma per delega dal 2022

Riforma pensioni con delega non 2021 e proroga subito di Ape sociale rafforzata e Opzione donna, ecco le ultimissime novità.

Pensioni e novità nella legge di bilancio, probabile proroga di Ape Sociale con requisiti rafforzati e Opzione donna, che saranno accompagnati dal contratto di solidarietà espansiva. La riforma pensioni non andrà in vigore nel 2021, ma bisognerà aspettare ancora un anno.

Riforma pensioni dal 1° gennaio 2021 con delega

Il Governo punta ad una riforma dal 1° gennaio 2021 con una nuova delega, che dovrà mettere appunto un sistema per evitare lo scalone collegato alla fine della sperimentazione della pensione Quota 100 (triennio sperimentale dal 2019-2021). 

Il governo Conte non avrà sussulti nella riforma pensioni, vedrà la fine sperimentale del percorso Quota 100 alla fine del 31 dicembre 2021 e la proroga di due misure (Ape Sociale e Opzione donna) già in essere da tempo. A confermare che la quota 100 non sarà toccata fino al suo decorso naturale, è la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, ieri all’incontro con i sindacati. 

Allo studio una delega per una riforma dell’intero sistema previdenziale, Nunzia Catalfo ha dichiarato che si procederà secondo due binari paralleli. 

Rimani aggiornato sulla riforma pensione e su tutte le misure pensionistiche in atto, consultando la rubrica pensioni news

Ape Sociale rafforzata nel 2021

Un Ape Sociale rafforzata, è questo che ha dichiarato la ministra Catalfo, si deve capire cosa si intende con la parola “rafforzata”, se aprire le porte ad una platea più ampia di lavoratori oppure, saranno maggiori gli stanziamenti per questa tipologia di pensionamento. 

I requisiti per accedere al pensionamento con Ape Sociale attualmente sono 63 anni di età e 30 anni di contributi, tranne per i lavoratori usuranti/gravosi per cui è richiesto un requisito di 36 anni di contributi, e il lavoratore si deve trovare in una di queste quattro tutele:

  • disoccupato che ha perso il lavoro involontariamente e da almeno tre mesi ha terminato la percezione dell’assegno di disoccupazione (Naspi);
  • invalido con una percentuale superiore al 74%;
  • “caregiver” (colui che si occupa del familiare con handicap grave ai sensi della legge 104) da almeno sei mesi;
  • lavoratore che svolge lavori particolarmente faticosi e pesanti, classificati come “gravosi”.

Proroga Opzione donna 

Una buona notizia per tante lavoratrice preoccupata per la proroga nel 2021. Ancora non si conosco tutti i particolari, ma la conferma che la proroga sarà inserita nella legge di Bilancio è  un importante passo avanti tra tanta incertezze. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”