Bonus 515 euro al mese anche per gli anni 2014 2015 2016, a che punto siamo?

-
06/08/2020

Bonus di 515 euro al mese fino all’età di pensionamento, per gli anni 2014 -2015 -2016 a che punto siamo?

Bonus 515 euro al mese anche per gli anni 2014 2015 2016, a che punto siamo?

Ci arrivano molte richiese sul bonus 515 euro al mese che riguarda coloro che hanno chiuso un’attività commerciale e possono accedere all’indennizzo commercianti che è parti a circa 515 euro lorde al mese fino al raggiungimento dell’età pensionabile richiesta per la pensione di vecchiaia. Questo cosiddetto “bonus 515 euro” dal 1° gennaio 2019 è diventato strutturale ma solo per coloro che hanno chiuso l’attività dal 2019 per poi estendere il diritto anche a coloro che hanno chiuso l’attività nel 2017 e 2018, anni in cui la proroga del indennizzo non era stata effettuata. Ed anche in questo caso il cammino burocratico è stato molto lungo. La questione si riapre con gli aventi diritto degli anni 2014 -2015 -2016, che chiedono di accedere alla misura anche in via retroattiva. Questa misura fa parte del pacchetto pensioni news del 2020.

Bonus 515 euro al mese: anni 2014 – 2015 – 2016

Un lettore ci scrive: “Salve, vi scrivo per chiedere se il m5 stelle ha portato avanti la richiesta di bonus rottamazione anche per coloro i quali hanno chiuso negli anni 2014/2015/2016.Ringrazio anticipatamente per la risposta che sono certo mi darete, pregando di darmene copia anche sulla mia email.
Distinti saluti
R. A.”

Il Movimento 5 Stelle è molto attivo e ha presentato un Odg che si impegna in un’ottica di gradualità di indennità a prevedere l’inserimento di tutti coloro che hanno cessato l’attività commerciale tra il 1° gennaio 2009 e il 31 dicembre 2016 e hanno maturato i restanti requisiti, tra i quali quello anagrafico, entro il 31 dicembre 2018.


Leggi anche: Fondi pensione: anche con il coronavirus rendono più del TFR

Bonus 515 euro al mese, Odg per gli anni 2014/2015/2016

Requisiti attuali

I requisiti attualmente richiesti sono:

  • uomini almeno 62 anni di età anagrafica;
  • donne 57 anni; 
  • i richiedenti il beneficio devono essere iscritti, al momento della cessazione dell’attività, da almeno 5 anni, anche non continuativi, alla Gestione dei contributi previdenziale degli esercenti attività commerciali;
  • devono aver cessato l’attività commerciale, in via retroattiva dal 2017 (requisiti attuali).

Al momento non ci sono novità, il governo è impegnato “decreto agosto” e sembra ancora tutto fermo, quindi, la risposta è si il Movimento 5Stelle si sta impegnando e segue l’andamento con un obiettivo ben preciso, ma al momento non ci sono novità concrete.