Contributi senza pensione, ho diritto al rimborso?

-
07/09/2020

Se i contributi versati non danno luogo alla pensione si ha diritto ad un rimborso da parte dell’INPS?

Contributi senza pensione, ho diritto al rimborso?

Uno dei crucci maggiori dei lavoratori italiani è quello per i contributi versati che non hanno dato luogo ad una pensione. Quello che ci si chiede è “che fine fanno se la pensione non me la danno?”. Sono molti, infatti, i lavoratori che pur avendo versato regolarmente contributi per alcuni anni, si sentono rispondere dall’INPS che il diritto al pensionamento non si è raggiunto. Che fare allora? Si ha diritto ad un rimborso oppure no?

Contributi senza pensione

Un lettore scrive per chiedere: Ho versato 12 anni di contributi poi è sopraggiunta invalidità e ho dovuto smettere di lavorare. Oggi che ho raggiunto i 67 anni, però, l’INPS dice che non mi spetta nessuna pensione perchè sono necessari almeno 20 anni di contributi che non ho. Ho provato a chiedere di restituirmi quanto versato, visto che la pensione non mi spetta, ma mi è stato risposto che i contributi pagati non vengono rimborsati. Perchè, visto che non li utilizzo? Che fine hanno fatto i miei soldi?


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

I contributi versati dal datore di lavoro in costanza di rapporto, sono obbligatori. I contributi versati, anche se non utilizzati dal lavoratore, non possono quasi mai essere rimborsati dall’INPS. A tal proposito è intervenuta anche la giurisprudenza  che si è attenuta alle linee dell’istituto poichè l’obbligo dei contributi è potenzialmente utile per l’ottenimento di una misura previdenziale, se non si riesce a centrarla l’INPS non è tenuto a restituire quanto versato.

Le uniche eccezioni sono rappresentata da versamenti erronei, nel qual caso è possibile richiedere il rimborso dei contributi. In tutti gli altri casi i contributi versati, anche se non permettono l’accesso alla pensione, non possono essere rimborsati.

Sul che fine hanno fatto i soldi versati per i suoi contributi, in ogni caso, sono nelle casse dell’INPS. Teniamo conto che i contributi che versiamo per ottenere una pensione domani sono utilizzati per il pagamento delle pensione già liquidate (e che per le nostre pensioni utilizzeranno i soldi derivanti dai contributi versati dalle future generazioni).

Per approfondire consiglio la lettura dell’articolo Contributi versati e non utilizzati alla morte del lavoratore a chi spettano?