Opzione donna in scadenza a dicembre 2020, cosa succederà nel 2021?

-
27/08/2020

La pensione Opzione donna è in scadenza al 31 dicembre 2020 e se non subentrerà la proroga nel 2021, la misura volgerà al termine, vediamo quali sono le ipotesi.

Opzione donna in scadenza a dicembre 2020, cosa succederà nel 2021?

L’Opzione donna è una forma pensionistica ad hoc per le donne lavoratrici sia del settore privato e pubblico, sia per le lavoratrici autonome. Permette un anticipo di 8/9 anni dall’età pensionabile richieste per la pensione di vecchiaia a seconda della categoria di appartenenza. La pensione donna con l’opzione fa parte delle pensioni news nel 2020, verifichiamo i requisiti attuali e le varie ipotesi. 

Opzione donna: una misura dedicata alle donne

L’Opzione donna è una misura dedicata alle donne lavoratrici e consente l’accesso con 58 anni di età se lavoratrici dipendenti e 59 anni se lavoratrici autonome. È richiesto un requisito contributivo di 35 anni di contributi utili (sono validi tutti i contributi esclusi quelli figurativi per la disoccupazione indennizzata e la malattia). Entrambi i requisiti devono essere maturati entro il 31 dicembre 2019. 

Questo misura è definita penalizzante in quanto l’assegno è calcolato interamente con il sistema contributivo; si può arrivare fino ad una decurtazione dell’assegno di circa il 25% – 30% dell’assegno pensionistico rispetto all’ultimo stipendio percepito. 


Leggi anche: Bonus bollette 2021 con sconto automatico: ecco chi potrà ottenerlo e come si accede

In realtà non è proprio così, in alcuni casi questa misura potrebbe avere anche un risultato positivo o senza nessuna decurtazione. 

Qui le tre varianti per capire se l’assegno con l’opzione donna sarà penalizzante: Pensione donna 2020: proroga, calcolo e requisiti, guida completa

Le proroghe nel tempo e la prossima nel 2021

La legge Maroni numero 243/2004 introduce una misura dedicata alle donne lavoratrici “l’Opzione donna”. Viene successivamente ripresa dalla riforma Fornero e prorogata annualmente nella legge di Bilancio. L’ultima proroga nella legge di Bilancio 2020 che ha permesso alle lavoratrici l’accesso sino al 31 dicembre 2020.

La scadenza dell’Opzione donna è vicina, il 16 settembre l’incontro per discutere sulla Riforma pensioni che contiene anche le proroghe di Ape Sociale e Opzione donna. 

Le idee  su cosa possa succedere sono contrastanti, da un lato c’è una corrente che assicura la proroga di Opzione donna anche nel 2021, resta da capire se saranno ampliati i requisiti aumentando il fattore temporale del perfezionamento al 31 dicembre 2020; e c’è un’altra corrente che considera l’Opzione donna una misura superflua in quanto ha dimostrato un forte calo delle domande. 


Potrebbe interessarti: Pensioni anticipate 2022: le opzioni disponibili dal prossimo gennaio per uscire dal lavoro

Non ci resta che aspettare, noi vi terremo aggiornati.