Pensione a 65 anni: ecco quando è possibile con 36 anni di contributi

-
27/05/2020

Ci sono casi in cui si raggiungono i requisiti per la quiescenza e non si sa di poter andare in pensione. Quando con 65 anni di età? Scopriamolo.

Pensione a 65 anni: ecco quando è possibile con 36 anni di contributi

Non è facile raggiungere l’età pensionabile senza accorgersi di avere diritto ad una pensione, ma a volte può capitare come nel caso del nostro lettore che ci chiede: Buongiorno ho 65 anni e 36 di contributi quando posso andare in pensione? Procediamo con la risposta.

Pensione a 65 anni

In teoria, se fosse in possesso di determinati requisiti potrebbe accedere al pensionamento fin da subito con l’Ape sociale. Le vado a spiegare.

L’ape sociale richiede almeno 63 anni di età ed almeno 30 anni di contributi per disoccupati, caregiver e invalidi mentre richiede almeno 36 anni di contributi per usuranti e gravosi. Se appartenesse ad uno di questi 5 profili, quindi, potrebbe presentare fin da subito domanda di pensione con ape sociale.

Nel caso dei lavoratori disoccupati sono richiesti, come abbiamo detto, 63 anni di età e 30 anni di contributi. E’ necessario inoltre aver fruito dell’intera Naspi spettante e che l’indennità sia terminata da almeno 3 mesi.

Nel casi dei lavoratori disabili è necessario aver compiuto i 63 anni di età ed aver maturato almeno 30 anni di contributi oltre ad essere in possesso di una invalidità civile pari o superiore al 74%.

Per i caregiver, invece, è richiesto di aver compiuto i 63 anni e di aver versato almeno 30 anni di contributi ma è necessario anche assistere da almeno 6 mesi un familiare convivente con grave disabilità in base alla legge 104, articolo 3, comma 3.

Per lavoratori usuranti e gravosi è necessario appartenere ad una delle professioni che rientrano in tali categorie, di aver svolto tale professione per il tempo previsto dalla legge per essere riconosciuto lavoratore usurante o gravoso oltre ad aver compiuto almeno i 63 anni e aver maturato almeno 36 anni di contributi.

Se rientra in una delle condizioni sopra descritte può iniziare già a presentare domanda per il riconoscimento del beneficio al cui accoglimento potrà, poi, presentare domanda di pensione vera e propria. 

Nel caso, invece, non si riconosca in nessuno dei profili che ho sopra descritto, purtroppo l’unica alternativa per accedere alla pensione resta quella di attendere il compimento dei 67 anni necessari per poter avere diritto alla pensione di vecchiaia ordinaria.