Pensione anticipata con maggiorazione contributiva invalidi: la prima uscita

-
07/08/2020

Quando in pensione con invalidità all’80% e come si presenta domanda di riconoscimento della maggiorazione contributiva invalidi

Pensione anticipata con maggiorazione contributiva invalidi: la prima uscita

Per i lavoratori invalidi sono riconosciute diverse agevolazioni per il pensionamento anticipato. Alcune di queste sono volte solo al settore privato e ai lavoratori autonomi lasciando esclusi i lavoratori del pubblico impiego, altre, invece, sono rivolte a tutti. Vediamo le possibilità di uscita per persona con invalidità del comparto pubblico.

Pensione anticipata invalido

Una lettrice scrive per chiedere:

Buonasera, sono nata il 1°luglio del 1962 ed attualmente ho un’anzianità di servizio di 37 anni, in quanto sono entrata in ruolo nella scuola primaria il 1° settembre 1983 come vincitrice di concorso su posto di sostegno (dal 1983 al 1988 ho lavorato sul sostegno, quindi ho chiesto il passaggio su posto comune, nel quale lavoro dal 1988).

Dal mese di marzo 2007 ho un’ invalidità dell’80% ed un handicap grave con riconoscimento della legge 104.

Vorrei cortesemente sapere:

– se posso usufruire dei contributi figurativi (2 mesi per ogni anno di invalidità);

– quando e a chi bisogna chiedere che tali contributi vengano inseriti nell’estratto conto;

– quando potrei andare in pensione anticipata (potrei andarci prima dei 62 anni ?). 

In attesa di una Vostra cortese risposta, ringrazio anticipatamente.    

Con 58 anni di età e 37 anni di servizio, fruendo anche dalla maggiorazione contributiva per gli invalidi, certamente riesce ad accedere al pensionamento prima dei 62 anni.

Purtroppo non rientra nella pensione di vecchiaia anticipata, riservata ai lavoratori invalidi con almeno l’80% di invalidità certificata perchè la misura esclude i lavoratori del pubblico impiego ma può certamente fruire della maggiorazione contributiva che le riconosce 2 mesi di contributi figurativi per ogni anno di servizio prestato con invalidità superiore al 74%.

Avendo invalidità all’80% dal 2007 le spettano attualmente 26 mesi di contribuzione figurativa per la maggiorazione contributiva invalidi che la portano a raggiungere, teoricamente, i 39 anni e 2 mesi di contributi. Questo le fa capire che lavorando ancora 2 anni circa potrà accedere alla pensione con l’anticipata ordinaria che per le donne richiede 41 anni e 10 mesi di contributi.

La maggiorazione contributiva va richiesta con apposita domanda e presentata contestualmente alla domanda di pensione. Le consiglierei, quindi, visto che potrebbe accedere al pensionamento anticipato già a settembre 2022, di iniziare ad informarsi presso un CAF o un patronato sulla tempistica di presentazione della domanda di pensione e di riconoscimento della maggiorazione contributiva per poter essere certa di presentare domanda di cessazione dal servizio già alla fine del 2021.