Pensione anticipata nati 1962: le alternative possibili

-
16/06/2020

Quali sono le possibilità di pensionamento anticipato per i nati nel 1962 che hanno accantonato un buon numero di anni di contributi?

Pensione anticipata nati 1962: le alternative possibili

Per chi ha un buon numero di anni di contributi versati accedere alla pensione anticipata può essere più facile e veloce. Esistono, infatti, determinate misure previdenziali che permettono l’accesso alla pensione indipendentemente dall’età e che richiedono soltanto il requisito contributivo, come ad esempio la pensione anticipata ordinaria e la pensione con la quota 41.

Pensione anticipata nati 1962

Una lettrice ci scrive per chiedere:

Buongiorno sono del 1962 ho iniziato il lavoro presso la stessa azienda nel marzo 1980. Quando potrò a andare in pensione? 

Nel suo caso, con 58 anni di età e con 40 anni di contributi, le possibilità di accedere alla pensione a breve sono rappresentate da due misure. Escludendo a priori, anche se venisse prorogata, l’opzione donna che appare troppo penalizzante per lei che anticiperebbe un massimo di 2 anni, le misure da prendere in considerazione sono quelle che permettono l’accesso alla quiescenza indipendentemente dall’età.

Non avendo il quadro preciso della sua situazione non so se rientra nella categoria del lavoratori precoci. Se ha maturato, prima del compimento dei 19 anni di età, almeno 12 mesi di contributi derivanti da lavoro effettivo potrebbe avere il diritto di pensionarsi con la quota 41 al raggiungimento dei 41 anni di contributi.

Se rientra nel lavoro precoce e si riconosce anche in uno dei profili tutelati dalla quota 41 (lavoratori disoccupati a seguito di licenziamento, che hanno finito da almeno 3 mesi di fruire dell’intera Naspi spettante; caregiver che assistono da almeno 6 mesi un familiare convivente con grave disabilità, invalidi con percentuale certificata superiore al 74%, lavoratori usuranti, addetti alle mansioni gravose) può richiedere l’accesso alla pensione con la quota 41 non appena raggiunge i 41 anni di contributi.


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

In caso contrario dovrebbe posticipare il pensionamento soltanto di qualche mese perchè alla maturazione dei 41 anni e 10 mesi (contributi richiesti per accedere alle donne alla pensione anticipata) potrebbe accedere alla misura ordinaria prevista già dalla Legge Fornero. A questo dovrà aggiungere 3 mesi di finestra mobile dal raggiungimento del requisito contributivo.

A mio avviso, quindi, fra massimo 2 anni potrà accedere alla quiescenza.