Pensione anticipata solo con i contributi 42 e 10 mesi o con 35 anni?

-
24/07/2020

Pensione anticipata senza limite di età, con quale anzianità contributiva si può fare domanda: 35 anni o 42 e 10 se uomo? I chiarimenti sul perfezionamento dei requisiti.

Pensione anticipata solo con i contributi 42 e 10 mesi o con 35 anni?

La pensione anticipata è un trattamento pensionistico che consente ai lavoratori che hanno maturato un determinato requisito contributivo, dietro apposita domanda all’Inps, di conseguire l’assegno pensionistico prima di aver maturato l’età pensionabile richiesta per la pensione di vecchiaia, che nel 2020 è di 67 anni. La pensione anticipata è in vigore dal 1° gennaio 2012 con la Riforma Fornero e ha sostituito la pensione di anzianità che è rimasta accessibile per coloro che hanno maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2011 (destinata alla salvaguardia). Possono accedere a questa misura inserita nel pacchetto pensioni news, tutti i dipendenti del settore pubblico e privato, lavoratori autonomi. 

Pensione anticipata con 42 e 10 mesi o 35 anni?

Un lettore in base al requisito contributivo ci pone la seguente domanda: “Seguo la vostra pagina Facebook e leggendo una vostra risposta mi è venuto un dubbio: io ho 54 anni (a settembre) e a ottobre maturerò 35 anni di contributi.Per la pensione anticipata, servono 42 e 10 mesi o 41 e 10 mesi? Mi mancherebbero circa 7 anni(?). Grazie mille per l’eventuale risposta”.

Si per la pensione anticipata servono 42 e 10 mesi di contributi (uomo) e 41 e 10 mesi (donna), di questo montante contributivo almeno 35 anni di contributi devono essere utili, questo significa che sono considerati tutti i contributi versati (obbligatori, volontari, da riscatto, figurativi) esclusi i contributi figurativi accreditati per indennità indennizzata e malattia. 


Leggi anche: Esame avvocato 2021: Ministero della Giustizia verso la doppia prova orale

Quindi, per poter accedere a questa misura bisogna considerare almeno il requisito di 35 anni di contributi nell’anzianità contributiva richiesta di 42 e 10 mesi. Inoltre, la pensione anticipata prevede una finestra mobile di tre mesi dal perfezionamento dei requisiti. L’assegno è calcolato come una normale pensione e non prevede penalizzazioni. La pensione anticipata è soggetta all’adeguamento dell’aspettativa di vita che è stato bloccato dal decreto legge n. 4/2019 fino al 2026, quindi, i requisiti rimarranno invariati fino a tale data.

Per il calcolo dell’assegno consiglio di leggere: Calcolo pensione con sistema misto (retributivo più contributivo)

Riepilogando, lei tra sette anni potrà accedere a questa misura.