Pensione casalinghe: cos’è e chi può accedere

-
09/05/2020

Pensione casalinghe, cos’è, a chi spetta, chi può iscriversi, come si versano i contributi e a quanto ammonta il trattamento pensionistico?

Pensione casalinghe: cos’è e chi può accedere

Si chiama pensione casalinghe. è erogata dal Fondo casalinghe istituito dall’INPS nel 1997 ma non possono accedere solo le casalinghe. Tale pensione, infatti, può essere erogata a tutte le persone che svolgono, senza essere retribuite, lavori di cura e assistenza familiare. Al fondo previdenziale, infatti, possono iscriversi sia uomini che donne. Cerchiamo di capire come funziona.

Pensione casalinghe, per chi?

La pensione con il fondo casalinghe spetta solo dietro iscrizione e versamento di contributi al fondo previdenziale e possono iscriversi non solo le casalinghe ma tutte le persone che hanno un’età compresa tra i 16 e i 65 anni che svolgono un lavoro non retribuito di cura familiare senza vincolo di subordinazione (non possono iscriversi, quindi, le badanti) che non siano titolari di pensione diretta e che non siano titolari di attività lavorativa dipendente od autonoma che prevede l’iscrizione ad ente previdenziale o cassa.

Possono, invece, iscriversi coloro che prestano attività di lavoro part-time (in base alle settimane ci contribuzione utili al diritto della pensione).

Puoi trovare approfondimenti su questa notizie nella nostra categoria Pensioni News.

Come ci si iscrive al fondo casalinghe?

Per presentare domanda di iscrizione al fondo casalinghe si deve procedere esclusivamente in maniera telematica o in autonomia, se in possesso del PIN INPS, o avvalendosi dell’ausilio di CAF o professionista abilitato.

L’iscrizione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda. Anche se non ci sono versamenti per un determinato periodo, l’iscrizione non decade.

Importo versamenti

L’importo dei versamenti mensili per la pensione casalinghe è libero anche se un mese di contribuzione minimo è pari ad un versamento di 25,82 euro mensili. L’importo versato annualmente, anche se con cadenza mensile, quindi, andrà a copertura dei mesi di contribuzione. Con un importo annuale di 110 euro, ad esempio, si avranno 4 mesi di contribuzione in quell’anno.


Leggi anche: Cashback e tassazione rimborsi in dichiarazione: le novità dall’Agenzia delle Entrate

Quale pensione a quando

Con i versamenti al fondo casalinghe è possibile accedere a 2 forme di pensione, ovvero

Pensione di vecchiaia che può essere richiesta a partire dai 57 anni se sono stati versati almeno 60 mesi di contributi (5 anni). Dai 57 ai 64 anni la pensione di vecchiaia viene liquidata solo nel caso che l’ammontare dell’assegno mensili sia pari o superiore a 1,2 volte l’assegno sociale INPS. In alternativa la pensione di vecchiaia viene liquidata al raggiungimento dei 65 anni indipendentemente dall’importo dell’assegno;

pensione di inabilità, se sono stati versati almeno 5 anni di contributi, a qualsiasi età se interviene l’assoluta e permanente impossibilità qualsiasi proficuo lavoro.