Pensione con 12 anni di contributi, quando è possibile?

-
17/06/2020

Con soli 12 anni di contributi non è sempre possibile accedere alla pensione di vecchiaia, anche se si attende il compimento dei 71 anni.

Pensione con 12 anni di contributi, quando è possibile?

Nella normativa italiana i requisiti per accedere al pensionamento possono essere di tipo anagrafico, contributivo ma possono essere richiesti anche entrambi per accedere ad una determinata misura. La pensione di vecchiaia richiede almeno 67 anni di età unitamente ad almeno 20 anni di contributi. Con meno di 20 anni di contributi accedere ad un qualsiasi tipo di pensionamento diventa, se non impossibile, molto difficile. Vediamo a chi potrebbe essere consentito.

Pensione di vecchiaia con 12 anni di contributi

Un nostro lettore, illustrando la situazione della moglie, ci chiede:

Mia moglie ha maturato 12 anni di contributi  maturati nel 1984 ha diritto alla pensione di vecchiaia avendo 72 anni.

Come anticipato nell’apertura dell’articolo, purtroppo, non sempre con meno di 20 anni di contributi è facile accedere al pensionamento. Alcune deroghe alla Legge Fornero, contenute nella Legge Amato del 1992, permettono il pensionamento a 67 anni con almeno 15 anni di contributi se il lavoratore in questione è in possesso di precisi requisiti.

La prima deroga permette il pensionamento con 15 anni di contributi al compimento dei 67 per chi ha versato tutti i suoi contributi prima del 1992. 

La seconda deroga permette il pensionamento con gli stessi requisiti a chi ha ottenuto l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari prima del 1992.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

La terza deroga, valorizzando le carriere discontinue permette il pensionamento al compimento dei 67 anni e con soli 15 anni di contributi a chi ha un’anzianità contributiva di almeno 25 anni e per 10 anni non ha versato le 52 settimane massime di contribuzione.

Approfondisci leggendo: In pensione con 15 anni di contributi: quali alternative con pensioni quindicenni

Sua moglie, pur potendo rientrare nella prima deroga, non ha i 15 anni di contributi necessari (che non può raggiungere neanche con il versamento dei contributi volontari perchè collocherebbe contribuzione post 1992).

L’altra misura che permette un pensionamento con meno di 20 anni di contributi è la pensione di vecchiaia contributiva, raggiungibile con soli 5 anni di contributi e al raggiungimento dei 71 anni di età. Purtroppo questa misura è riservata solo a coloro che hanno versato tutti i loro contributi dopo il 31 dicembre 1995 o che, avendo contribuzione versata in gestione separata possano optare per il computo in questa gestione. 

Leggi anche: Pensione con meno di 20 anni di contributi: chi può accedere?

Anche in questo caso sua moglie non rientra nella misura perchè ha contributi versati prima del 1996 (e avendoli versati solo fino al 1984 dubito possa avere una posizione aperta nella Gestione Separata, istituita solo a metà degli anni 90).

Leggi anche: Computo nella Gestione separate: come si procede?