Pensione con 5 anni di contributi: vecchiaia o fondo casalinghe?

-
05/06/2020

Con soli 5 anni di contributi centrare la possibilità di un pensionamento è davvero difficile: vediamo in quali casi è possibile e con quali requisiti.

Pensione con 5 anni di contributi: vecchiaia o fondo casalinghe?

Molto spesso il problema di chi ha pochi anni di contributi è quello di chiedersi se avrà diritto ad un qualsiasi tipo di pensione. Vediamo il caso di soli 5 anni di contributi versati analizzando possibilità e strade percorribili per la quiescenza.

Pensione con 5 anni di contributi

Una nostra lettrice chiede:

Ho solo 5 anni di contributi e ho 59 anni.la pensione delle casalinghe la posso prendere? Mio marito è in pensione

Con soli 5 anni di contributi, ovviamente, la pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni non spetta poichè questa misura richiede almeno 20 anni di contributi maturati. Neanche la pensione al fondo casalinghe è una strada percorribile: per la pensione casalinghe, infatti, è necessario versare contributi nell’apposito fondo e non è possibile utilizzare quelli versati nell’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti.

Se non ha mai aperto una posizione nel Fondo casalinghe, quindi, e non ha mai versato contributi volontari nel fondo stesso, la possibilità di poter utilizzare la pensione casalinghe è decisamente fuori discussione.

Unica alternativa per poter ricevere un assegno pensionistico nel suo caso è rappresentata dalla pensione di vecchiaia contributiva, una misura che permette il pensionamento al compimento dei 71 anni in presenza di almeno 5 anni di contributi maturati.

Questa misura, però, come dice il suo stesso nome, è una pensione contributiva ed è aperta soltanto per coloro che abbiano tutti i contributi ricadenti nel contributivo puro. I lavoratori che ricadono nel sistema contributivo puro sono soltanto quelli che hanno contributi versati dopo il 1 gennaio 1996 (nessun contributo, quindi, deve essere stato versato prima di quella data) e coloro che possono optare per il computo nella Gestione Separata, per il quale sono richiesti i seguenti requisiti:

  • almeno un contributi versato prima del 1996 ma meno di 18 anni di contributi versati prima di tale data
  • almeno 15 anni totali di contributi versati dei quali almeno 5 anni maturati dopo il 31 dicembre 1995.

Non potendo esercitare, in alcun caso, il computo nella Gestione Separata (che richiede la presenza di almeno 15 anni di contributi totali, mentre lei ne possiede solo 5) l’unica possibilità per lei di centrare la pensione di vecchiaia contributiva al compimento dei 71 anni e che tutti i suoi contributi siano stati versati dopo il 1 gennaio 1995.