Pensione di reversibilità ex coniuge, quando spetta?

-
01/07/2020

Pensione di reversibilità ex coniuge: in quali casi spetta se i coniugi erano divorziati o separati legalmente? Vediamo cosa prevede la normativa di riferimento.

Pensione di reversibilità ex coniuge, quando spetta?

La pensione di reversibilità è un trattamento previdenziale ai superstiti del pensionato deceduto. Il primo avente diritto della misura è il coniuge e solo in mancanza del coniuge può spettare, se in possesso dei requisiti richiesti, anche ad altri familiari. Cerchiamo di capire, però, che succede quando il pensionato che viene a mancare lascia un ex coniuge, separato o divorziato.

Pensione di reversibilità ex coniuge

Vediamo quando spetta la pensione di reversibilità all’ex coniuge in caso di separazione e divorzio rispondendo alle domande di alcuni lettori:

  • Mi son separata da poco più di 3 anni, il mio ex marito è morto lo scorso mese e vorrei sapere se mi spetta la pensione di reversibilità.

I coniugi separati, anche se la separazione è legale, sono equiparati per quel che riguarda la pensione di reversibilità, a quelli non separati. Anche se fino a qualche tempo fa c’era una regola che impediva la fruizione della misura ai coniugi separati con addebito,  un intervento dei giudici ha cancellato questa limitazione. Tutti i coniugi separati, quindi, hanno diritto alla pensione di reversibilità.

  • Ho letto in rete che è possibile richiedere anche per i divorziati la pensione di reversibilità. Il mio ex marito è morto l’anno scorso, nessuno dei due si era sposato di nuovo.

In caso di coniugi divorziati, la pensione di reversibilità spetta solo a determinate condizioni: il superstite deve essere titolare di assegno divorzile periodico assegnato dal giudice e non deve essere convolato a nuove nozze. Nel suo caso, quindi, se prima del decesso del suo ex marito era titolare di assegno di mantenimento da parte sua, visto che nessuno dei due si era nuovamente sposato, ha diritto alla pensione di reversibilità del coniuge.

  • Buongiorno, vorrei un, informazione: sono divorziato dalla mia ex moglie e mi sono risposato da poco. Nel caso lei venisse a mancare mi spetterebbe la pensione di reversibilità?


Leggi anche: Pensioni Pepp, c’è l’ok alla previdenza integrativa portabile in Europa

Per aver diritto alla pensione di reversibilità  dell’ex coniuge, il coniuge divorziato superstite, come spiegavo alla lettrice precedente, deve essere non solo titolare di assegno di mantenimento ma non deve essere nuovamente sposato. Nel suo caso, essendosi da poco risposato, non ha diritto alla pensione di reversibilità della sua ex moglie.

Per avere tutti gli aggiornamenti in ambito previdenziale consiglio di consultare la nostra  categoria Pensioni News.