Pensione di vecchiaia a 63 anni: le possibilità e i documenti

-
20/07/2020

Pensione di vecchiaia anticipata di 6 o 11 anni: vediamo i requisiti sanitari richiesti per poter presentare domanda di quiescenza.

Pensione di vecchiaia a 63 anni: le possibilità e i documenti

Per i lavoratori invalidi di aziende private o per lavoratori autonomi è prevista la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia con un anticipo di 11 anni se donne e di 6 anni se uomini a patto di possedere il requisito sanitario imprescindibile per questa misura. Ricordiamo che rimangono esclusi dalla possibilità di potervi accedere i lavoratori del pubblico impiego (con l’esclusione di quelli iscritti nella gestione dei lavoratori dipendenti privati dell’AGO).

Pensione di vecchiaia a 63 anni

Un lettore scrive per chiedere:

Salve,
È un po’ di tempo che vi
Seguo su fb, ho una domanda:
Ho 63 anni e quasi 30 anni di contributi, sono un marittimo che ha lavorato per la maggior parte con società straniere, vi chiedo ho una invalidità certificata da uno dei migliori otorini della penisola Sorrentina di più del 80 % , posso andare in pensione ?
Saluti

Con un’invalidità certificata all’80% è possibile, per gli uomini che lavorano nel settore privato o che risultano essere autonomi, accedere alla pensione di vecchiaia anticipata.


Leggi anche: IMU 2021, ultimi giorni per il pagamento: tutte le info su scadenza, calcolo acconto ed F24

Per accedere alla misura è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • almeno 56 anni di età per le donne e almeno 61 anni di età per gli uomini
  • almeno 20 anni di contribuzione versata
  • invalidità pensionabile pari o superiore all’80%.

Nel suo caso, essendo la sua invalidità non certificata dall’INPS dovrà provvedere a sottoporsi ad una visita medica presso commissione INPS che le certifichi la percentuale di invalidità pensionabile. Solo a seguito di questa certificazione potrà inoltrare domanda di pensione con la misura di vecchiaia anticipata per gli invalidi.

Nel suo caso, tra l’altro, avendo abbondantemente raggiunto sia il requisito anagrafico che quello contributivo non sarà necessario rispettare la finestra di attesa di 12 mesi richiesta ai lavoratori del comparto privato o quella di 18 mesi richiesta ai lavoratori autonomi, e potrà, quindi, accedere fin da subito alla pensione.

Per la certificazione dell’invalidità pensionabile dovrà procedere con lo stesso iter burocratico richiesto per la certificazione dell’invalidità civile.

Per approfondire invitiamo alla lettura dell’articolo dedicato alla pensione di vecchiaia anticipata: Pensione di vecchiaia anticipata a 57 e 62 anni: vediamo a chi spetta


Potrebbe interessarti: INAIL, i minimali e i massimali retributivi del 2021 restano invariati