Pensione di vecchiaia anticipata 80% di invalidità, come si certifica?

-
17/06/2020

Per accedere alla pensione di vecchiaia anticipata 80% di invalidità, è necessaria la certificazione dell’invalidità pensionabile. La distinzione.

Pensione di vecchiaia anticipata 80% di invalidità, come si certifica?

Per i lavoratori del settore privato è riconosciuta la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia anticipata con l’80% di invalidità pensionabile certificata. Tale misura richiede almeno 20 anni di contributi, il compimento dei 56 anni per le donne e di 61 anni per gli uomini. Per la decorrenza della pensione, poi, è richiesta una finestra di attesa di 12 mesi per i lavoratori dipendenti del settore privato. Si ricorda che la misura non è permessa per i lavoratori dipendenti statali (per i quali sono previsti altri metodi di pensionamento da cui i lavoratori del settore privato sono esclusi).

Pensione di vecchiaia anticipata 80% di invalidità

Un lettore, abbastanza confuso, ci chiede:

Sono un lavoratore autonomo e sono invalido al 90%. Mi è stato detto da conoscenti che potrei accedere alla pensione al compimento dei 61 anni (adesso ne ho 58) se sono in possesso di almeno 20 anni di contributi. Mi hanno anche parlato dell’invalidità pensionabile che deve essere certificata ma sinceramente io ho sempre sentito parlare di invalidità civile. Come si certifica l’invalidità pensionabile? Grazie se vorrete chiarirmi questo dubbio.

Premetto fin da subito che le hanno detto il giusto, la pensione di vecchiaia anticipata invalidi agli uomini permette l’accesso al compimento dei 61 anni. Essendo un lavoratore autonomo, poi, dovrà attendere una finestra di 18 mesi dal raggiungimento dei requisiti per le decorrenza del trattamento pensionistico, che raggiungerebbe, quindi, solo al compimento dei 62 anni e mezzo.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Per quanto riguarda, invece, la certificazione dell’invalidità pensionabile, essa è richiesta perchè la sola certificazione dell’invalidità  civile non è sufficiente all’accesso alla prestazione. per avere la certificazione in oggetto deve compiere lo stesso iter burocratico che ha percorso per il riconoscimento dell’invalidità civile.

Per rimanere sempre aggiornato sulle notizie in ambito previdenziale consulta la categoria Pensioni News.

L’accertamento dell’invalidità pensionabile deve essere accertata dagli uffici sanitari dell’INPS. Se, per esempio, l’invalidità civile è stata riconosciuta da qualsiasi altro Ente (fosse anche la ASL) questo non rileva ai fini dell’accesso alla pensione.
Per questo si specifica che è necessaria la certificazione dell’invalidità pensionabile poichè l’eventuale altra certificazione di invalidità civile rilasciata da altro Ente può essere presa in considerazione solo come elemento di valutazione per l’eventuale certificazione rilasciata ai fini della pensione di vecchiaia anticipata.